Amiche in cucina: spigola al sale

di Caterina Mazzola

Care amiche, oggi nella nostra cucina parleremo di un importantissimo  ingrediente  senza del quale  i sapori non verrebbero esaltati: il sale.

Le origini dell’utilizzo del sale sono antichissime. Dal Neolitico le popolazioni che abitavano lungo le coste cominciarono a produrre modeste quantità di sale bollendo l’acqua del mare: è così che questi preziosi cristalli entrarono a far parte dell’alimentazione. All’inizio vennero usati solo per conservare carne e pesce, e solo  in epoca successiva il sale divenne indispensabile in cucina come esaltatore di sapore.

Nel I secolo d.C. il sale era ormai diventa parte della cultura romana: Plinio affermava che non era possibile concepire una vita civilizzata senza di esso. I romani si resero conto che il sale era una fonte di potere. I siti più importanti di produzione salina erano situati tutti nella provincia di Roma tra Fiumicino e Ostia e noti nell’antichità con il nome di Campus Salinarum Romanarum.

Di sale però non c’è solo quello bianco che  usiamo solitamente  ma svariate qualità  con colori, caratteristiche e provenienze diverse.

Il sale rosa è originario dell’Himalaia, purissimo, non raffinato con  ben 85 minerali e ricco di oligoelementi.Il suo particolare colore deriva dall’alta concentrazione di ferro. Povero di potassio  è indicato nell’alimentazione degli ipertesi.

Il sale nero di Cipro, arricchito con carbone vegetale ottenuto dalla combustione delle cortecce di legno dolce, quali tiglio, betulla e salice, che gli conferiscono il tipico colore ed è indicato nei disturbi intestinali.

Il sale rosso delle Hawaii prende questo colore da un’argilla rossa di origine vulcanica chiamata alaeà. Ha un retrogusto ferroso data dall’alta concentrazione di questo metallo.

Il sale blu della Persia  è un salgemma molto raro. La sua colorazione viene data dalla silvite, minerale che si presenta giallo o rosa e solo in pochissimi casi nel colore blu. Ha un sapore speziato  ed è indicato per arrosti di carne e pesce.

E adesso voglio darvi una semplice ricetta: spigola al sale.

Ingredienti: una spigola da 1kg,  500 g di sale grosso.

Preparazione: Disporre sulla placca del forno un foglio di carta forno o di alluminio, spargere metà dose del sale grosso e posizionare la spigola intera ma senza squamarla. Coprire con il resto del sale, riporre la teglia in fono già caldo a 250°  per 15 minuti . Spegnere il forno e  aspettare che la cottura continui almeno per altri 15 minuti. Una volta trascorsi, rompere lacrosta di sale e pulire la spigola. Servirla con verdurine fresche.

Per oggi è tutto e alla prossima.

La rubrica Amiche in Cucina è curata da Caterina Mazzola, una bella signora porticese estremamente versatile e piena di interessi.

Per maggiori informazioni, consigli e suggerimenti potete scrivere all’indirizzo infolospeakerscorner@libero.it e la nostra amica in cucina Caterina sarà felice di rispondervi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: