Andar per eventi e sagre

di Ciro Santisola

Cari aficionados, questa è la seconda parte delle segnalazione di eventi e sagre in Campania che si terranno nei prossimi giorni.

BENEVENTO – Nella Colonia Elioterapica, sita in via Grimoaldo Re (lungo fiume Calore) nel cuore del capoluogo sannita, da venerdì 13 a domenica 15 luglio, si terrà il primo Festival della Birra Artigianale.

La kermesse, organizzata da Alter Ego Beer & Food Pub in collaborazione con la Cooperativa Sociale Bartolo Longo e con il presidio Slow Food di Benevento,  richiamerà nel capoluogo sannita esperti del settore, mastri birrai e homebrewers (produttori di birra in casa) «… che si confronteranno tra loro e illustreranno le fasi della birrificazione, sveleranno le tecniche di assaggio e certificheranno gli abbinamenti col cibo».

L’evento beneventano, ricco di dibattiti, laboratori didattici, seminari, degustazioni, suggerimenti sugli abbinamenti cibo/bevanda, rappresenterà una «… piattaforma di scambio di idee ed esperienze tra produttori e consumatori».

I visitatori, oltre a degustare una selezione di 30 birre artigianali locali, regionali, nazionali ed estere, potranno ascoltare direttamente dai produttori il racconto delle diverse fasi della loro realizzazione.

In aggiunta, potranno cogliere l’occasione per assaggiare le diverse prelibatezze culinarie, proposte dallo street food, dai food-truck e dagli stand gastronomici.

Il programma della manifestazione comprenderà anche spazi musicali.

CASELLE IN PITTARI (SA) – Nel comune cilentano, cominciata lo scorso 8 luglio si avvierà alla conclusione la quattordicesima edizione del Palio del Grano a Caselle in Pittari.

Per un’intera settimana, tra tradizione e innovazione, assoluti protagonisti della kermesse saranno «… il territorio e le sue attività rurali, che da sempre hanno caratterizzato e scandito i ritmi di vita di questa comunità».

Così come nella prima edizione, alla corrente tornata del Palio parteciperanno gli otto rioni casellesi, ai quali, dal recente passato 2010, sono stati affiancati, con il ruolo di “Cumbari”, otto paesi limitrofi.

 

Questo il programma ufficiale degli ultimi tre giorni della manifestazione casellese:

  • Venerdì 13 luglio Mietitura, selezione e catalogazione dei grani dalla Biblioteca del Grano, Workshop e realizzazione dell’Augmented Spaventapasseri e dell’applicazione Quaderno di Campo, mbastamu, laboratori di impasto di pasta, pane e pizza
  • Sabato 14 luglio 8 mburnati ri Pani, 8 Forni accesi negli otto rioni del Paese, 8 massaie e 8 infornate di pane. Dalle 21, in piazza, MantiCip premio alla migliore sonata libera di organetto. Sarà premiata con 100 euro in chicchi d’oro la migliore sonata scelta da una giuria popolare
  • Domenica 15 luglio Ore 6: raduno della compagnia del Palio in piazza olmo e di tutti i Paesi cumpari dei rioni di Caselle in Pittari. Ore 8: sorteggio piste. Ore 8.30: gara dei piccoli mietitori. Ore 9: inizio quattordicesima edizione del Palio del Grano. Ore 11: pisatura tradizionale con i buoi. Ore 13: pranzo collettivo con tutti i rioni e i paesi cumpari. Ore 14.30: premiazioni

TEGGIANO (SA) – Alla località Prato Perillo di Teggiano, da venerdì 13 a domenica 15 luglio, si terrà la Festa della pisatura.

Una manifestazione, voluta e organizzata dall’Associazione Culturale As.Cam., per rivivere suggestive scene della vita rurale, tra cui la Pisatura, vale a dire la tecnica di separazione del chicco dalla spiga di grano. Due buoi, girando in tondo nell’aia, trainano una grossa pietra sui culmi di grano, provocando così l’allontanamento del chicco dalla spiga.

Nel corso dell’evento, gli ospiti potranno gustare tipiche pietanze della cucina contadina e ascoltare dell’ottima musica popolare.

Dalle ore 16 di domenica 15 luglio, si terrà una gara di abilità con trattore, la sfilata di trattori d’epoca e la rievocazione della trebbiatura.

I bambini potranno mungere una vacca, questa sarà la rilevante novità dell’edizione 2018 della manifestazione teggianese.

ACERNO (SA) – Nel suggestivo paese dei Monti Picentini, sabato 14 e domenica 15 luglio, avrà luogo la sesta edizione La Fragolata di Acerno.

L’evento, organizzato dall’Associazione Agape, avrà come indiscusso protagonista il tipico prodotto artigianale della tradizione acernese, iscritto nell’elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali della Regione Campania.

Nel corso della manifestazione, presso gli stands espositivi, aperti al pubblico dalle ore 17 alle ore 24 di sabato e dalle ore 9 alle ore 24 di domenica, i visitatori potranno gustare la squisita fragolata. Mentre il dolce sarà preparato dalle massaie acernesi, i ristoratori locali proporranno un menù a base di prodotti tipici del territosio.

Il programma della kermesse comprenderà anche l’esibizione degli artisti di strada, balli all’area aperta, il mini zoo Pet Therapy, il truccabimbi e la balloon art.

Nella giornata di domenica, inoltre, si esibiranno Enzo e Sal, direttamente dalla trasmissione Made in Sud.

CERASO (SA) – La frazione Massascusa di Ceraso, parte del territorio del comune cilentano, sabato 14 e domenica 15 luglio, sarà l’ideale location per la quinta edizione della Festa re u scummuoglio.

Una kermesse a carattere gastronomico, organizzata dalla locale Comunità parrocchiale con la collaborazione del Comune di Ceraso.

Nel corso della manifestazione si potranno gustare i prodotti tipici della tradizionale cucina cilentana, ma anche divertirsi seguendo gli spettacoli di musica popolare dal vivo.

Sabato 14 luglio si esibiranno Pina Speranza e i Cilento Tarantdomenica 15 luglio, allieteranno la serata Manuel Scarpitta e la Folk Band e Pasquale Lillo, direttamente da La Corrida.

Il ricavato sarà devoluto per realizzare un’area verde attrezzata dedicata a Biagio Fiorella.

Che cos’è ‘u scummuoglio? Secondo la tradizione orale locale, «… quando si usciva di casa e non si voleva far sapere la propria meta si rispondeva vao a la festa re ‘u scummuoglio, una destinazione inesistente!»

PAGO VEIANO (BN) – In piazza Municipio, cuore pulsante del comune dell’Alto Beneventano, sabato 14 e domenica 15 luglio, si terrà laquattordicesima edizione  della Sagra del Vitello Paesano di Razza Marchigiana.

Una manifestazione che si prefigge il fine di «… far conoscere la cittadina sannita e la prelibatezza» delle carni della razza bovina “marchigiana”, ottenuta da vitelli allevati in varie aziende agricole del paese».

Nel corso della sagra, organizzata dalla locale Pro Loco, dalle ore 20, si potranno degustare le specialità culinarie: pasta al ragù di vitello, straccetti del contadino, spezzatino alla paesana, arrosto di vitello al forno, accompagnate da ottimo vino locale, prodotto dalle Cantine Chiara.

CORBARA (SA) – Le stradine, i cortili e i giardini del borgo Sala, frazione del comune di Corbara, sabato 14 e domenica 15 luglio, accoglieranno la dodicesima edizione di Corbara e il Corbarino.

Un evento, nato per valorizzare e promuovere il celebre pomodoro prodotto nel comune posto nei Monti Lattari, ascritto tra i prodotti agroalimentari tradizionale campani, ma anche per far conoscere e apprezzare le altre tipicità del territorio.

Al suono delle tammorra e delle tarantelle i visitatori saranno accompagnati in una passeggiata lungo lungo le stradine, i cortili e giardini del borgo.

Alle ore 20.30 di domenica 15 luglio, si terrà la secolare Calata dell’Angelo: un figurante, vestito da angelo e sospeso in un cerchio d’acciaio, sarà calato lungo una teleferica che parte dal sagrato della chiesa dedicata a Sant’Erasmo e terminerà un centinaio di metri a valle, coprendo un dislivello di circa 150 metri di altezza.

Nel corso della discesa, l’angelo sarà fermato tredici volte, per consentirgli di intonare a “fronna” un canto di devozione al Santo.

Il suggestivo rito si ripete ogni anno in occasione dei festeggiamenti in onore di Sant’Erasmo, coopatrono della cittadina.

ROCCAROMANA (CE) A Statigliano, piccola frazione del territorio comunale di Roccaromana, sabato 14 e domenica 15 luglio, si svolgerà la diciannovesima edizione della Sagra degli Gnocchi al Tegamino.

Un’occasione per  trascorrere un fine settimana «… all’insegna della tradizione con la possibilità di poter gustare alcuni piatti della cucine contadina, preparati secondo l’antica ricetta».

La piccola produzione agricola locale consente, infatti, il reperimento di prodotti genuini e incontaminati che, nelle mani pazienti, generose e operose diventano piatti prelibati e succulenti.

I cavati nel tegamino, nel gergo locale cavati rend’ u tianiegliu, una tradizionale pasta fresca lavorata a mano, «… vengono preparati direttamente dalle mani delle nonne del paese che creano un impasto di farina, acqua e sale, secondo l’antica ricetta, e poi “cavano” uno ad uno ogni pezzetto di pasta fino a preparare gli gnocchi per le diverse centinaia di tegamini».

La sagra, organizzata nell’ambito della festa in onore della patrona Santa Margherita vergine e martire di Antiochia, che si celebra il prossimo  20 luglio, avrà lo scopo di «… raccogliere fondi per il restauro della settecentesca statua lignea della Santa venerata nell’omonima chiesa dal 1300».

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *