Andar per sagre

di Ciro Santisola

Cari aficionados, ecco i prossimi appuntamenti che si terranno in Campania, assolutamente da non perdere.

NAPOLI – Dalle 19.30 di giovedì 20 fino a domenica 23 aprile, nell’incantevole scenario di Marechiaro a Posillipo, nell’ambito della Festa di Santa Maria del Faro, si terrà la terza edizione della Sagra del Pesce di Marechiaro a Napoli.

La manifestazione, organizzata dall’Associazione Borgo Marechiaro, giunta alla sua terza edizione, intende promuovere il buon pescato del Golfo di Napoli e valorizzare lo storico Borgo di Marechiaro.

Nel corso della sagra, i pescatori del caratteristico villaggio offriranno ai visitatori l’opportunità di gustare vari piatti a base della vastissima varietà di pescato fresco, fra cui risaltano alici, gamberi e polpo, preparati nel pieno rispetto di antiche ricette della tradizione partenopea.

Questo il programma della manifestazione:

  • Giovedì 20 marzo, ore 13: all’Istituto San Francesco d’Assisi si terrà un pranzo per i disagiati e poi un concerto degli alunni della S. M. Marechiaro
  • Venerdì 21 aprile, ore 10.30: premiazione degli alunni della S. M. Della Valle per il progetto Marechiaro e Casale; ore18.30: alla sede dell’associazione Borgo Marechiaro, presentazione del libro di Peppe Manetti Quando a Marechiaro arrivava la motobarca
  • Sabato 22 aprile, ore 10: esposizione di fiori, visita e consegna di doni agli ammalati e agli anziani; ore 18: celebrazione della Santa Messa al Lido Marechiaro e, subito dopo, l’immersione della statua della Madonna del Faro
  • Domenica 23 aprile 2017, ore 18: processione dalla Gaiola a Marechiaro della Madonna di Santa Maria del Faro; ore 19.30: nella “piazzetta a mare” del borgo di Marechiaro inizierà la III Sagra del pesce locale.

AULETTA (SA) – Dal 20 al 27 aprile, nel comune cilentanoposto nella valle attraversata dal fiume Tanagro, si svolgerà la Settimana del carciofo bianco.

La kermesse, nata allo scopo di incentivare il consumo e rafforzare la presenza del tenerissimo e delicatissimo ortaggio, comprenderà show cooking, contest, laboratori, gastronomia tipica, spettacoli di musica popolare.

Il carciofo bianco, donato alla popolazione locale da Carlo V e ben presto radicato negli orti familiari, per le sue caratteristiche proprietà chimico-fisiche, organolettiche e nutrizionali, si presta a essere consumato in vario modo. Pertanto, chef, pizzaioli e ristoratori proporranno un menù o solo un piatto, un panino, una pizza o un antipasto, tutti rigorosamente a base del tipico carciofo bianco della Valle del Tanagro, «il re dei carciofi campani».

CAPACCIO (SA) – A partire del giorno 22 e fino al 25 aprile, il caratteristico e suggestivo borgo di Gromola, frazione del comune di Capaccio, farà da cornice alla Festa del carciofo I.G.P. di Paestum. L’evento, alla sua nona edizione, vuol celebrare uno dei prodotti più rinomati dell’ortofrutticola campana.

Nelle quattro le serate negli stand allestiti nella piazza principale i partecipanti potranno assaggiare piatti della tipica buona cucina cilentana e, in particolare, pietanze che avranno il carciofo come ingrediente principale.

Si potranno, quindi, degustare: penne con carciofi e speck, risotto con carciofi dorati e fritti, pizza fritta, pizza margherita e pizza con carciofi, bruschette con crema di carciofi e speck, caciocavallo impiccato al sapore di carciofo, carciofi e patate al fornocarciofi e, … dulcis in fundo, sfogliatella ripiena con ricotta e carciofi.

Le serate saranno allietate dalle esibizioni di musica e canto popolare, interpretata gruppi di grande spessore musicale, nonché balli tradizionali, eseguiti da gruppi folk.

L’evento, sarà arricchito da momenti di approfondimento sui seguenti temi: l’importanza dell’alimentazione, le proprietà organolettiche e l’apporto nutrizionale dell’Indicazione Geografica Protetta Carciofo di Paestum alla Dieta Mediterranea.

CASTELPOTO (BN) – Nei giorni 22, 23, 24, 25 e 30 aprile, le strade del centro storico medioevale del piccolo comune del Sannio immerso nella valle vitulanese, ospiteranno la Fiera della salsiccia rossa.

Una manifestazione, giunta alla XII edizione, nata per valorizzare il gustoso insaccato, realizzato nel più stretto rispetto della tradizione: «… i maiali sono allevati in loco e le carni vengono lavorate a mano, senza l’aggiunta di conservanti secondo una ricetta che ogni produttore custodisce gelosamente e tramanda di generazione in generazione, e solo lasciate ad asciugare solo con il fuoco del camino. Nell’impasto sono presenti, oltre alla carne di maiale, il peperone dolce e quello piccante, che conferisce all’insaccato il caratteristico colore rosso e che viene coltivato esclusivamente a Castelpoto secondo una particolare tecnica».

Le serate dell’evento, arricchite da spettacoli musicali ed eventi collaterali, si svolgerannosecondo il seguente calendario:

  • 22 aprile – ore 20: apertura degli stands gastronomici; ore 21: Tamburellisti in concerto
  • 23aprile – ore 12: apertura degli stands gastronomici; ore 21: Terrasiccagna
  • 24 aprile – ore 20: apertura degli stands gastronomici; ore 21- I trementisti in concerto
  • 25 aprile – ore 20: apertura degli stands gastronomici; ore 21: Alessio e lasua fisarmonica
  • 29 aprile – ore 20:apertura degli stand gastronomici Spaccapese
  • 30 aprile – ore 20: apertura degli stand gastronomici; Jonathan in concerto

SANTA MARIA A VICO (CE) – Sabato 22 aprile, con inizio alle 19, nella piazza della frazione di Rosciano si terrà la prima edizione dei Sapori e Tradizioni della Valle di Suessola – Sagra Pettole e Fagioli.

Gli organizzatori proporranno un’occasione per trascorrere una serata all’insegna del gusto, della tradizione e del divertimento. Gli intervenuti potranno assaggiare i tipici piatti della tradizionale cucinadella Valle di Suessola: gnocchi, bruschetta con olio extra vergine di oliva, dolci e tarallo roscianese, facendoli seguire da buon vino locale.

Inoltre, potranno seguire spettacoli canori, danzare e partecipare alle animazioni.

Il menù prevederà «… un piatto di Pettole e Fagioli e un bicchiere di vino al costo di 2,5 euro; tre dolci tipici al costo di 1 euro».

CASTEL CAMPAGNANO (CE) –  Dal 23 al 25 aprile, nel piccolo borgo di Squille si svolgerà la sedicesima edizione della  Sagra degli Asparagidi Squille.

 

L’evento, organizzato dall’Associazione Silla, intende celebrare il gustoso prodotto locale: l’asparago selvatico, «… uno dei frutti spontanei più diffusi nelle zone dell’Alto Casertano».

Nel corso della sagra, si potrà partecipare ad alcuni incontri aventi per tema l’enogastronomia, le caratteristiche organolettiche e le proprietà benefiche dell’asparago.

Inoltre, si potranno gustare cli squisiti piatti preparati con il versatile ortaggio, accompagnandoli con vino Pallagrello.

Ampio spazio sarà riservato a mercatini dei prodotti dell’artigianato locale e alla degustazione di prodotti tipici del Casertano.

I visitatori, infine, per poter prendere contezza e ammirarne le caratteristiche architettoniche e naturali, potranno anche addentrarsi nel borgo di Squille.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: