Angela | Illuminazione

Alle nostre madri: senza di esse non saremmo state così… E noi, cosa siamo diventate noi? Le prime della classe, come Angela, che riceve un’illuminazione …

di Bianca Sannino

L’atmosfera che si respirava in questo strano ashram nordeuropeo mi aveva completamente avvolta. Avevo portato con me il libro cult delle generazioni precedenti, Autobiografia di uno yogi.

L’avevo letto qualche anno prima, ma mi era capitato sotto gli occhi proprio poco prima di partire e d’impulso l’avevo messo nella valigia.

Cominciai a sfogliarlo per caso e i miei occhi si soffermarono su due frasi: Segui i suggerimenti del tuo guru e va’ in America. Non temere; sarai protetto.  E ancora: La tua sorte di attrarre le anime sincere è assai propizia. Ovunque andrai, persino in una landa desolata, troverai degli amici.

Mi chiesi se anche io un giorno avrei avuto la fortuna di incontrare il mio guru e quale compito mi avrebbe assegnato.

Ben presto ebbi la risposta a questi miei quesiti. Yuri mi invitò ad un darshan. Avevo sentito parlare di questi incontri dove il guru si presenta alla moltitudine dei cercatori di pace, ma non ne avevo mai sperimentato nessuno. Mi chiedevo se l’uomo che avrei incontrato rispondeva al mio recondito desiderio di trovare il mio guru, di capire quale era la mia leggenda personale, quale era il destino che mi attendeva.

Il giorno dopo Yuri mi accompagnò in un enorme tendone, lì c’era ammassata una moltitudine di persone, tutti intonavano un mantra accompagnato dalle note di un harmonium e attendevano che il maestro entrasse. Una strana sensazione mi pervase e avvertivo forte il desiderio di scappare via, ma una forza strana mi teneva avvinta al tappetino dove mi ero adagiata in posizione di preghiera.

All’improvviso da dietro un fitto tendone apparve P.V., anche se non altissimo, appariva come una montagna. Aveva una folta capigliatura scura e degli occhi di una lucentezza abbacinante. Si sedette su un alto trespolo e cominciò a dire: Quando venite per un darshan, quando guardo la vostra anima, ciò che vedo in questo momento è il vostro Sé, il vostro vero Sé. Ciò che vedo è la bellezza di ciò che possedete dentro di voi. Questo è ciò che voglio che voi vediate, ed è ciò che voglio che voi possiate realizzare da voi.

 

Bianca Sannino, docente appassionata nella scuola statale italiana, vive e insegna a Portici da più di vent’anni.

Dopo aver attraversato perigliosi mari in vari ambiti e settori ed essersi dedicata alla redazione di libri saggistici e specifici del settore dell’insegnamento, esordisce oggi nel genere novellistico.

Due lauree, corsi di specializzazione, master non sono bastati a spegnere la sua continua, vulcanica e poliedrica ricerca della verità. 

Da sempre, le sue parole che profumano di vita e di umanità, arricchite dalla sua esperienza e sensibilità, restituiscono delicati attimi di leggerezza frammisti a momenti di profonda riflessione.

Nel 2021 inizia la collaborazione con LoSpeakersCorner pubblicando una serie di novelle, tutte al femminile.

 

Articoli correlati:

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: