Area Orientale: quale trasformazione

Il ruolo delle Istituzioni e delle associazioni per trasformare l’ Area Orientale organizzato da Vivoanapoli e Cultural Hub Art33

CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI – Vivoanapoli e Cultural Hub Art33 promuovono il primo pubblico confronto sull’area orientale di Napoli con le Istituzioni chiamate a decidere modi, tempi e programmi per la rigenerazione urbana e la trasformazione della periferia est della città.

L’incontro è fissato per sabato 19 febbraio alle ore 10 al Cultural Hub Art33 in via Bernardino Martirano del Quartiere San Giovanni a Teduccio.

Intorno al tavolo siederanno, infatti, Leopoldo Angrisani, Direttore Cesma del Complesso Universitario di San Giovanni a Teduccio, Andrea Annunziata, Presidente dell’AdSP del Mar Tirreno Centrale, Alessandro Fucito, Presidente della 6a Municipalità, Paolo Mancuso, Assessore all’Ambiente e alla Risorsa Mare del Comune di Napoli, Luigi Napolitano, Presidente della Consulta delle Associazioni 6a Municipalità.

L’iniziativa sarà presentata da Mariarosaria Teatro, Presidente Art33.

Il di dattito verrà introdotto e noderato da Emilia Leonetti, Presidente di Vivoanapoli.

Il nostro intento– ha dichiarato Emilia Leonetti- è aprire, a partire dall’incontro di sabato 19, un percorso con le Istituzioni, che possa allargarsi alle associazioni e ai cittadini per condividere prospettive, scelte, programmi, obiettivi in grado di fare di San Giovanni un modello di rigenerazione e di trasformazione del tessuto urbano, sociale, economico.

Sul sito dell’associazione si legge: Viviamo a Napoli. Una città bella e faticosa, dove tutto sembra più difficile e improbabile. Una città che ha sempre prodotto cultura e ama la cultura, ma che non riesce a fare della cultura un fattore di crescita etica, sociale ed economica. Le molte pregevoli iniziative culturali che animano la città si perdono in mille frammenti.
Per superare questa frammentazione, vogliamo costruire, insieme alle istituzioni e agli operatori del settore, un percorso per creare un “”sistema della cultura”  che possa diventare il cuore di un nuovo modello di sviluppo in grado di contribuire al rilancio della città.

Cultural Hub Art33 guarda alla periferia con nasce da un diverso modo di intendere lo sviluppo delle periferie. Non vogliamo semplicemente portare in periferia una proposta culturale attrattiva per tutto il resto della città, ma affidare alla periferia stessa … il compito di creare questa offerta, rafforzando così i legami all’interno della comunità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: