Attenzione, anfibi a Napoli!

Dallo Zoo di Riga in Lettonia al Giardino zoologico napoletano  le scoperte non finiscono mai: arrivano gli anfibi

Un motivo in più per visitare lo Zoo di Napoli: il nuovissimo Anfibiario. Tra l’altro, non esistono strutture sinili  in Italia.

Così, è permanente, da pochi giorni la visita all’area anfibi: rappresenta un’esclusiva per il giardino zoologico napoletano, che non si è mai fermato durante i mesi di lockdown. Con la cura dello staff scientifico, si è impegnato nell’ideazione e allestimento dell’anfibiario.

Ma chi sono gli anfibi? Si tratta di una classe di vertebrati molto antica di cui fanno parte le prime forme di vita che hanno lasciato l’ambiente acquatico per colonizzare la terraferma.

Questi piccoli animali si riconoscono da una caratteristica distintiva: la loro pelle è sottile e sempre umida in quanto partecipa alla respirazione e permette gli scambi gassosi, motivo per cui, nonostante siano stati i primi a esplorare la terra ferma milioni di anni fa, hanno bisogno di vivere in ambienti estremamente umidi e di riprodursi in acqua.

Il nuovo anfibiario dello Zoo di Napoli, esclusivo in Italia, riproduce in piccolo gli ambienti umidi e di sottobosco in cui vivono numerose specie di rane.

Cascate, orchidee nane, begonie, felci e ciottoli insieme a tanti altri elementi che vanno a formare ecosistemi protetti nelle teche in vetro in cui poter ammirare questi animaletti.

Ad esempio la Rana freccia dalle bande gialle (Dendrobates leucomelas) nota, come le altre specie appartenenti alla stessa famiglia, per le potenti tossine presenti a livello cutaneo, usate dagli indigeni delle foreste pluviali, suo spazio territoriale di origine, per avvelenare le punte delle frecce.

L’area allestita allo Zoo di Napoli, ospita in totale otto specie di rane provenienti dallo Zoo di Riga in Lettonia, tutte da scoprire e cercare all’interno degli habitat appositamente studiati per loro. Un’occasione, quella della visita al parco e all’area anfibi, per riflettere sulla costante distruzione di habitat che interessa il nostro pianeta. Le specie appartenenti a questa classe, infatti, essendo legate ad ambienti con specifiche caratteristiche chimico-fisiche e particolarmente delicati, sono considerate gravemente a rischio di estinzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: