Cetara al simposio internazionale in Giappone

GIAPPONE – partecipa da protagonista in Il simposio internazionale La via del futuro ritrovato nel passato. Via della fermentazione ha visto la partecipazione due importanti presenze italiane: Cetara, rappresentata dal sindaco del delizioso borgo marinaro della Costiera amalfitana, Secondo Squizzato, e Massimo Bernacchini, consigliere nazionale di Slow Food e rappresentante della cooperativa pescatori di Orbetello, produttori della bottarga di muggine, presidio Slow Food.

Il dsimposio è stato caratterizzato da una serie di incontri con alcune realtà del Sol Levante, che si sono conclusi il 12 marzo scorso con la firma del “Manifesto di Kumagawa”.

L’atto di impegno è stato sottoscritto dal primo cittadino di Cetara, dai sindaci delle città di Wakasa e Nanto, e da un rappresentante del Ministero giapponese.

L’iniziativa è partita dal desiderio degli organizzatori giapponesi di valorizzare alcuni prodotti legati al pescato, soprattutto quelli di antica tradizione, per farne un motivo di attrazione turistica, così come ha già fatto Cetara con la colatura di alici, diventato vero e proprio brand identificativo del paese.

Nel Manifesto di Kumagawa si legge: «Sin dall’antichità la bontà del mare ha arricchito ogni giorno la nostra tavola (…) auspichiamo che i saperi della trasformazione delle risorse ittiche e dei cibi si conservino a lungo nel futuro (…). Desideriamo che questo cibo locale si tramandi alle prossime generazioni in maniera sana”. L’impegno dei firmatari è anche quello di continuare ad incontrarsi nel tempo per condividere saperi ed esperienze in questo settore».

Squizzato ha confermato di ritorno dal Giappone: A Kumagawa passa la strada dello sgombro che, da Wakasa, località costiera, raggiungeva Kyoto per fornire il pesce alla residenza imperiale. Il Giappone ha scelto questa prima piccola località per dare rilevanza al Japan Heritage. Così come abbiamo fatto noi con la colatura di alici, anche gli amministratori giapponesi vogliono avviare per i loro prodotti un percorso di marketing territoriale. Per noi è una prospettiva di sviluppo e di confronto produttivo con una realtà che insegue i nostri stessi obiettivi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *