Estate a Napoli 2019

Napoli si riempie di teatro: iniziano in questo fine settimana gli spettacoli delle due tradizionali rassegne teatrali estive

Ridere 2019, nel cortile del Maschio Angioino, Classico contemporaneo, nel Chiostro di San Domenico Maggiore, mentre si è già avviata la rassegna dell’Estate al Cortile alla Real Casa Santa dell’Annunziata

Teatro, musica e cinema all’aperto, tutte le sere, senza dimenticare, tra i suggerimenti per il fine settimana le bellissime mostre ospitate nei nostri luoghi dell’arte, a partire dalla straordinaria mostra di dipinti dei maestri della Scuola di Posillipo (Giacinto Gigante, Pitloo, Carelli, Pratella, Dalbono, Smargiassi, Fergola…), visitabile gratuitamente nella cappella Palatina del Maschio Angioino.

Di seguito alcuni spettacoli dei prossimi giorni. L’elenco completo delle iniziative e delle mostre e tutti gli altri programmi dell’Estate a Napoli si possono scaricare dal sito web del Comune di Napoli www.comune.napoli.it.

Maschio Angioino

Ridere 2019 – 29° Festival del Teatro comico, musica e cabaret, a cura di Associazione Culturale Bruttini Ridere in collaborazione con Teatro Totò

  • venerdì 9 agosto ore 21.30 Ciro Ceruti con Enzo Varone, Paco De Rosa, Feliciana Tufano e Piera Russo in La tempesta perfettascritta e diretta da Ciro Ceruti

Ingresso 13 euro – Info: 081296051 / www.teatrototo.it

  • sabato 10 agosto ore 21.30 C’era una volta il Festival, scritto e diretto da Maurizio Palumbo, conduce Edda Cioffi Orchestra diretta dal maestro Peppino Fiscale

Ingresso 15 euro – Info: 081296051 / www.teatrototo.it

  • domenica 11 agosto ore 21.30 Natale Galletta in Cuore e canto, scritto e diretto da Maurizio Palumbo, con l’orchestra Live&Band

Ingresso 15 euro – Info: 081296051 / www.teatrototo.it

  • lunedì 12 agosto ore 21.30 Massimiliano Gallo in Tutta colpa della Luna, scritto e diretto da Massimmiliano Gallo

Ingresso 15 euro – Info: 081296051 / www.teatrototo.it

Chiostro di San Domenico Maggiore

Rassegna teatrale Classico Contemporaneo – VI edizione a cura dell’Associazione Teatro dell’Osso.

Ingresso: biglietto intero  13 euro, ridotto 10 euro (sul web, per under 26 anni o over 65 anni), abbonamento a 3 spettacoli  27 euro, abbonamento a 7 spettacoli € 49 euro

info:  3421785930 – tram.biglietteria@gmail.com – www.facebook.com/teatrotram/

  • venerdì 9 agosto ore 21.30 Napulitanata, concerto di musica napoletana con Francesca Curti Giardina, chitarra Dario Di Pietro, fisarmonica Andrea Bonetti. Napoli si canta e si racconta spesso ma lo spettacolo proposto lo fa inserendovi il pensiero delle figure artistiche femminili di spicco, napoletane e non, che attraverso la Poesia, il Romanzo, il Racconto hanno decantato la bellezza e il fascino della canzone napoletana. I brani cantati sono accompagnati e arricchiti pertanto da brevi ma intensi inserti poetici e di prosa collegati alle canzoni e al loro tema, inserti che esprimono il punto di vista culturale femminile relativo ai testi e alle musiche scelte. direzione artistica Mirko Di Martino e Gianmarco Cesario
  • sabato 10, domenica 11 e lunedì 12 agosto ore 21.30 Le smanie per la villeggiatura  di Carlo Goldoni, adattamento di Mirko di Martino, regia di Angela Rosa D’Auria. con Michele Capone, Emanuela Saccardi, Rossella De Martino, Marcello Gravina. Originale allestimento perLe smanie per la villeggiatura: solo quattro attori interpretano gli undici personaggi del testo goldoniano. Una messinscena veloce e divertente, insolita e satirica, che recupera lo spirito critico dell’opera e lo trasporta ai giorni nostri, dove “la villeggiatura” è cambiata ma le smanie sono sempre le stesse. Anzi, molte di più. Le smanie per la villeggiatura è forse la commedia più moderna di Goldoni: Leonardo e Giacinta, Guglielmo e Vittoria, sono personaggi che sembrano scritti oggi, con tutte le loro paure, le loro ansie, i loro bisogni, le loro insicurezze. Direzione artistica Mirko Di Martino e Gianmarco Cesario.

Real Casa Santa dell’Annunziata 

Estate al Cortile con ingresso gratuito fino ad esaurimento posti

  • Venerdì 9 agosto ore 21 Lalla Esposito e Massimo Masiello in ‘E primme vase tuoje l’aggio avute io. L’amore di un uomo e di una donna, in forma di concerto-spettacolo per uno dei più grandi geni del 900: Raffaele Viviani. Attraverso le loro voci prendono forma i suoi innamorati,i guappi, le pro storie. …gli angeli della sua drammaturgia che chiedono una speranza (da ultimi) per continuare a sperare per vivere. Un viaggio tra le parole e la vita di Raffaele Viviani. Attore, commediografo, compositore, poeta e scrittore italiano, egli intendeva portare in scena la verità, la miseria, l’ingiustizia, e marchiò le sue sceneggiature e le sue canzoni con una lingua scarna, aspra e tagliente, ben lontana dallo stile che faceva del teatro colto un’esclusiva delle classi più agiate, riuscendo perciò a coniugare contenuti profondi ad una possibilità di fruibilità da parte di tutti. Al piano Luigi Tirozzi.
  • Sabato 10 agosto ore 21 Mario Maglione in ‘E stelle ‘e Napule. Nella notte di San Lorenzo lo spettacolo promuove la magia della canzone classica napoletana. Le melodie classiche cantate da Mario Maglione suscitano forti sensazioni grazie alla sua bravura nel coinvolgere il pubblico. L’artista, accompagnato dai suoi musicisti, attraverserà e percorrerà i momenti più intensi e significativi della storia della canzone classica e popolare napoletana. Il periodo proposto, va dalla fine del ‘600 ai giorni nostri. In questo arco di tempo, lo spettacolo evidenzierà nelle varie fasi, i percorsi e le evoluzioni di quest’arte fatale considerata patrimonio culturale mondiale. Celebre in tutto il mondo, la canzone classica napoletana va oltre i luoghi di appartenenza, divenendo patrimonio comune e dunque linguaggio universale. Chitarra: Michele Cordova, Fisarmonica: Andrea Bonetti
  • Domenica 11 agosto ore 21 Patrizia Spinosi in Il mare di fronte Cantando Napoli dall’altra parte. Se cantiamo lontano dalla nostra città ci assale quella dolce malinconia che ha caratterizzato il canto di tutti quelli che nel secolo scorso l’hanno lasciata. Con questo concerto Patrizia Spinosi entra nelle pieghe di un repertorio di struggente passione. La stessa che infondevano gli interpreti del passato nelle loro esecuzioni, passando, dunque, per Di Giacomo, Pisano, Libero Bovio, attraversando il repertorio di Gilda Mignonette. Quando Napoli ci appare “dall’altra parte”, quando la sentiamo e viviamo da lontano, riusciamo a mettere in un angolo la timidezza che, per pudore di tutta la retorica intorno alla città e le sue canzoni, non riesce a liberare le emozioni di chi la canta. Arriva il momento, invece, di spiegare la voce e aprire il cuore ai poeti e ai compositori senza più riserve, vivendo intimamente la “semplicità” e la forza di tutto l’amore che hanno raccontato. La Spinosi ha maturità vocale e teatrale, una grande forza espressiva e saprà far innamorare il pubblico con ogni parola parlata, con tutte le note cantate. Un concerto entusiasmante, che scompiglia il cuore di chi lo ascolta. Arrangiamenti di Michele Boné, chitarra: Gennaro Esposito.
  • Lunedì12 agosto ore 21 Iolanda Schioppi in Figlie di un Dio minore? Testo di Iolanda Schioppi da Euripide Regia di Iolanda Schioppi. E’ uno spettacolo teatrale in lingua napoletana, nato da uno studio che affonda le sue radici nella storia e nelle origini del teatro. L’autrice, Iolanda Schioppi, pone le basi per una riflessione sul tempo e il suo ripresentarsi nel presente in maniera puntuale, come se l’umanità intera fosse prigioniera di un incantesimo da sciogliere. Il testo prende a pretesto il mito e la storia delle Troiane, per tessere un tessuto contemporaneo che da voce all’amore, alla vulnerabilità della condizione umana, al potere, alla distruzione, al desiderio di libertà, all’assoggettamento e al dolore struggente di chi non ha forza e voce per essere sentito o vendicato ponendo l’attenzione alla lotta contro ogni forma di dominio. Cogliendo l’eterno contemporaneo della civiltà classica, la storia delle Troiane si inserisce nel presente in un loop potente e disarmante attraverso voci di donne, condannate per contrappasso ad un destino cieco e disilluso, accentuato da una fede in un Dio che non è più salda. Lo spazio all’interno del quale le donne si muovono, è un circuito chiuso, una gabbia all’interno della quale si incontrano e scontrano, sollecitando interrogativi di natura etica, superati i quali, i confini che definiscono l’umanità sono destinati a vacillare. Una voce narrante è il fil rouge della storia di quattro nobili donne, uniche sopravvissute alla guerra di Troia, connesse da un comune destino: la schiavitù. Il senso della fine e della desolazione giunge al di là degli effetti della guerra, iscrivendosi tra le possibili derive verso la disumanità.In scena con Iolanda Schioppi, Agnese Laurenza e Caterina Giugno

Parco del Poggio – Viale del Poggio di Capodimonte

Arena Modernissima, rassegna cinematografica a cura DI Hart s.r.l. Ingresso dalle ore 20.45 – prezzo  5 euro – informazioni: 3347209715

  • venerdì 9 agosto ore 21 Aladdin, regia di Guy Ritchie
  • sabato 10 agosto ore 21 Tutti lo sanno, regia di Asghar Farhadi
  • domenica 11 agosto ore 21.15 Attacco a Mumbai, regia di Anthony Maras
  • lunedì 12 agosto ore 21.30 Attenti a quelle due, regia di Chris Addison

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: