Eugenio cu ‘e lente

Sono tanti i personaggi che caratterizzano la storia del territorio. Il nostro autore racconta del mitico  Eugenio cu  ‘e lente e la sua Levate ‘a pistulda

di Salvatore Imperato

Eugenio Pragliola, artista di strada, conosciuto a Napoli con lo pseudomino di Eugenio cu ‘e lente, o dal nome della sua famiglia detta dei Cucciarielli.

Eugenio nasce a Rio De Janiero nel 1907, da una famiglia di emigranti campani di Giugliano. Eugenio aveva un’ottima vista,ma portava, quando lavorava, occhiali senza il vetro. Per questa ragione fera chiamato Eugenio cu ‘e lente.

Potevi incontrarlo alla stazione capolinea dei tram di Porta Capuana per la provincia di Napoli per Melito o Caivano , in compagnia della sua fedele fisarmonica, per accompagnare i viaggiatori a casa, cantando canzoni del suo repertorio, spesso improvvisate.

Una canzone di Eugenio, a metà degli anni ‘60 del ‘900 fu utilizzata dal maestro Roberto De Simone per la nota canzone Tammuriata Nera di Edoardo Nicolardi, musicata da E.A.Mario.

Ai versi di Tammuriata Nera il maestro De Simone aggiunse delle frasi provenienti da una composizione di Eugenio, su di un motivo americano, molto richiesta dai viaggiatori del tram dove egli si esibiva. Riportiamo di seguito parte della canzone, chiamata Levate ‘a Pistulda:

 ‘E signurine napulitane/ Fanno ‘e figlie cu ‘e ‘mericane/ Nce verimmo ogge e dimane/ Mmiezzo Porta Capuana/ Levate ‘a pistulda/ ‘E mericane se votteno ‘e llanza/ ‘e signurine  cu ‘e ppanza annanze./ Ll’atu juorno a Piazza Dante/ ‘a panza mia stava vacante./ Si nun era p’’o contrabbando/ Mò già stesse o campusanto.

Levate ‘a pistulda vuol dire abbassa la pistola, togli la pistola. Durante l’occupazione militare alleata di Napoli, i militari si recavano nei casini armati, e le donne chiedevano con la frase “levate ‘a pistulda”, di togliere la pistola prima di avere un rapporto sessuale.

Levate ‘a pistulda è la napoletanizzazione di una canzone americana molto in voga nel 1944, tra le truppe americane. Eugenio compose anche la canzone Trapanarella portata al successo dalla N.C.C.P. |Nuova Compagnia di Canto Popolare

Eugenio muore a Giugliano nel gennaio del 1989.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: