Fede, folklore e tradizioni contadine

di Stanislao Scognamiglio

MACERATA CAMPANIA (CE) – Da giovedì 12 fino a martedì 17 gennaio, nel comune casertano, paese della Pastellessa, si terrà la tradizionale Festa di Sant’Antuono.

La festa di sant’Antonio abate, risalente al XIII secolo, è tra gli eventi più importanti nel panorama delle feste popolari/religiose della Regione Campania. Essa nasce, come riferisce don Rosario Ventriglia, parroco dalla Parrocchia di San Martino Vescovo, allorquando «i nostri paesani contadini ebbero la geniale idea di trasformare gli attrezzi agricoli (botti, falci, tinelle, ecc.) in strumenti musicali: produssero un ritmo musicale che tutti noi conosciamo. Lo scopo era quello risvegliare la terra per il nuovo raccolto.

Inoltre, a quel tempo, il fuoco era particolarmente pericoloso perché poteva facilmente divorare tutto: stalle di legno, attrezzi, raccolto. Gli animali erano un bene primario sia per il lavoro, come il cavallo, il bue; sia per il cibo, come le galline, i conigli, i maiali, le anatre. La perdita di questi animali rappresentava un serio problema. Perciò, il suono prodotto dagli strumenti agricoli aveva anche il compito di allontanare il male dal fuoco e dagli animali.

La Chiesa ha evangelizzato questa antichissima tradizione con la luminosa testimonianza dell’abate sant’Antonio, dandole un senso più pieno: bisognava santificare – e quindi separare dal male – non solo la natura, simboleggiata dal fuoco e dagli animali, ma anche le persone.

«Gesù nel mistero del suo Natale ci ha dato la possibilità di diventare figli di Dio. Perciò, il suono dei Carri di sant’Antonio abate (sant’Antuono), esprime da parte di chi sale su un Carro, piccolo o grande che sia, la scelta personale di essere figlio e non schiavo, cittadino degni del Vangelo, capace di vincere il male con il bene».

L’evento, organizzato in collaborazione con l’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa di Macerata Campania, accreditata come NGO (Non-Governmental organization) all’UNESCO, offrirà ai visitatori l’opportunità di vivere delle magiche giornate.

Nel corso della festa, infatti, mostre, seminari, giochi tradizionali e la degustazione della past’e’llessa, tipico piatto della gastronomia locale a base di castagne, faranno da cornice all’evento, tra i più caratteristici dell’Italia meridionale, in cui la religiosità è l’elemento fondante.

Attesissima la Processione di Sant’Antonio Abate, che si terrà dopo la celebrazione della Santa Messa dedicata a Sant’Antonio Abate. Il simulacro sfilerà fra i Carri di Sant’Antuono, che saluteranno il Santo a colpi di botti, tini e falci.

Le riprese delle diverse fasi dell’appuntamento maceratese saranno a cura dell’emittente TV2000, televisione ufficiale dell’evento.

Alla corrente  edizione parteciperanno: StefanoLab Oratorio San Martino Vescovo di Macerata Campania, l’Istituto Comprensivo di Macerata Campania, l’Associazione Radici di Marcianise, l’Associazione Giovane Città di Macerata Campania, l’Associazione Gioventù 2.0 di Macerata Campania, le Majorette Shine Stars della Parrocchia San Nicola di Bari di Casal di Principe e l’Associazione Na Chiacchiera di Recale.

Partner dell’evento saranno: l’Associazione Giochi Antichi di Verona, ContrastoTV, TLC News e Associazione Pro Loco Italiane (APLI).

L’evento godrà del patrocinio del Consiglio Regionale della Campania, del Comune di Macerata Campania e del Comitato per la Promozione del Patrimonio immateriale ICHNet.

L’evento aderisce inoltre all’iniziativa Giornata Nazionale del Dialetto e delle lingue locali, promossa dall’Unione Nazionale Pro Loco Italia.

Questo il dettagliato programma civile/religioso della manifestazione maceratese:

Giovedì 12 gennaio 2017 – Apertura mostra

Mattino

  • Ore 8.30 Santa Messa.
  • Ore 10 Apertura della mostra Macerata Campania, città che suona nella Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo. A seguire nel Palazzo Piccirillo (Villa Comunale) apertura della mostra sulle tradizioni locali.

Pomeriggio

Ore 18.30 Santa Messa.

Venerdì 13 gennaio 2017 – Consegna premio Historia Loci – Notte dei Carri

Mattino

Ore 8.30 Santa Messa.

Pomeriggio

  • Dalle ore 16 alle ore 23 nei vari rioni maceratesi si svolgerà la Notte dei Carri, nel corso della quale si potrà assistere agli ultimi preparativi dei Carri di Sant’Antuono e prove generali.
  • Ore 18.30 Santa Messa.

Al termine della Santa Messa la consegna del premio Historia Loci, istituito dall’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa nel 2012 al fine di riconoscere tutte quelle persone ed enti che hanno contribuito in modo fattivo alla salvaguardia, alla trasmissione e alla valorizzazione della Festa di Sant’Antuono: del senso umano e cristiano, le espressioni culturali ad essa inerenti e la musica dei Carri di Sant’Antuono, patrimonio culturale immateriale di Macerata Campania.

Visita Pastorale dell’Abate curato ai giovani protagonisti della festa impegnati       negli ultimi preparativi nel corso della Notte dei Carri.

Sabato 14 gennaio 2017 – Triduo di Sant’Antonio Abate – Sfilata di apertura

Mattino

  • Ore 8.30 Santa Messa.

Pomeriggio (Percorso carri = A)

  • Ore 13 Raduno dei Carri di Sant’Antuono in Via Gobetti (primo tratto) e Via Nenni.
  • Ore 16 Sfilata delle Majorette Shine Stars della Parrocchia San Nicola di Bari di Casal di Principe, che partiranno da Via Gobetti con direzione ed esibizione in Piazza De Gasperi.

Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo – Triduo di S. Antonio Abate

  • Ore 19 Santo Rosario
  • Ore 19.30 Santa Messa

Domenica 15 gennaio 2017 – Triduo di Sant’Antonio Abate – Sfilata sul sagrato della Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo

Mattino (Percorso carri = B)

  • Ore 8 anta Messa.
  • Ore 9 Inizio sfilata dei Carri di Sant’Antuono dall’Area Mercato in Via Carducci, seguendo il PERCORSO B. Al termine, sosta dei Carri in Via Gobetti (primo tratto) e Via Nenni.
  • Ore 10 Santa Messa.
  • Ore 11 Sfilata della Banda Musicale “Associazione Amica”e delle Majorette dell’Istituto Comprensivo di Macerata Campania da Corso Umberto I con direzione ed esibizione in Piazza De Gasperi.

Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo – Triduo di S. Antonio Abate

Ore 11.30 Santa Messa.

Pomeriggio (Percorso carri = C)

  • Ore 16 Inizio sfilata dei Carri di Sant’Antuono da Via Gobetti (primo tratto) e Via Nenni, seguendo il PERCORSO C.
  • Ore 16 Corso Umberto I, davanti al sagrato della Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo, balli e canti sul tamburo tipici di Marcianise eseguiti dall’Associazione Radici.
  • Ore 17 Inizio esibizione dei Carri di Sant’Antuono davanti al sagrato della Chiesa parrocchiale Madonna delle Grazie, Casalba.
  • Ore 18 Inizio esibizione Carri di Sant’Antuono davanti al sagrato della Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo, al termine sosta dei carri in Via Gobetti (primo tratto) e in Via Nenni. Il Carro, solo per motivi di sicurezza,potrà essere parcheggiato in posti alternativi se chiusi e non in diverse strade o piazze pubbliche.

Nel corso della sfilata sarà possibile visitare la Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo.

Lunedì 16 gennaio 2017- Triduo di Sant’Antonio Abate – Benedizione del fuoco e degli animali – Presentazione Documentario Kairos TV – Tavola Rotonda – Borsa di Studio Racconta Sant’Antonio Abate– Giochi tradizionali.

Mattino

  • Ore 8.30 Santa Messa.
  • Ore 8.30 Inizia a girare per le strade del paese il Carro per la raccolta dei beni in natura come contributo dei nostri parrocchiani alla festa, che tradizionalmente viene chiamata Riffa (si svolge il 17 gennaio).
  • Ore 10 Plesso Scolastico Giacomo Matteotti, in Via Roma – Presentazione del Documentario di Kairos TV dedicato alla festa di Sant’Antonio Abate a Macerata Campania. Seguirà la Tavola Rotonda con la partecipazione dei capicarro e dei giovani protagonisti della festa, con la premiazione della Borsa di Studio Racconta Sant’Antonio Abate istituita dalla Parrocchia San Martino Vescovo nell’anno 2016.

Pomeriggio

  • Ore 15 Nella Casa parrocchiale – Seminario PastellessaLab con laboratorio artigianale per la costruzione di strumenti tradizionali.

Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo – Triduo di S. Antonio Abate

  • Ore 18 Santo Rosario.
  • Ore 18.30 Santa Messa.

Subito dopo, sul sagrato della Chiesa, si svolgerà la benedizione del fuoco e degli animali con l’accensione del Cippo di Sant’Antuono.

  • Ore 19.30 Piazza San Martino- Esibizione del Gruppo Folcloristico con costumi tradizionali a cura dell’Istituto Comprensivo di Macerata Campania.
  • Ore 20.30 Piazza San Martino – Esecuzione del gioco tradizionale: Palo di sapone.

A seguire esecuzione dei giochi tradizionali:Corsa con le botti, Corsa con le carriole, Giro della botte, Corsa nei sacchi, Corsa con i mattoni, Tiro alla fune.

Nel corso della serata Tradizioni senza barriere: giochi con la partecipazione dei bambini.

Martedì 17 gennaio 2017- Festa di Sant’Antonio Abate – Riffa

Mattino (Percorso carri = D)

  • Ore 5 Entro l’orario indicato, raduno dei Carri di Sant’Antuono in Via Gobetti (primo tratto) e Via Nenni.
  • Ore 8.30 Sfilata della Banda Musicale“Associazione Amicaper il centro storico del paese e rientro sul sagrato della Chiesa Abbaziale San Martino Vescovo.
  • Ore 9 Processione con la Venerata statua di Sant’Antonio Abate, portata a spalla dai Carristi ed accompagnata dalla Banda Musicale Associazione Amica.

Percorso della processione: Corso Umberto I – Via Elena – Via Santo Stefano – Via Vescovo Mincione – Via Nenni – Sosta all’imbocco di Via Gobetti.

  • Ore 9.30 All’aperto nel Largo fra Via Nenni e Via Gobetti – SANTA MESSA.

Seguirà la Benedizione dei Carri di Sant’Antuono, con il Saluto al Santo: il presidente dell’Associazione Sant’Antuono & le Battuglie di Pastellessa da inizio al saluto con un segnale acustico e in contemporanea i Carri iniziano a suonare, terminando dopo il secondo segnale acustico. Subito dopo proseguirà la processione per Via Gobetti – Corso Umberto I – Chiesa.

Al rientro della Venerata statua di Sant’Antonio Abate, avrà inizio la sfilata dei Carri lungo Via Gobetti, seguendo il PERCORSO D.

  • Ore 12.30 Tradizionale spettacolo di fuochi pirotecnici figurati in Piazza De Gasperi: a signora e fuoco, o puorco, o ciuccio, a scala.
  • Ore 13 Sfilata dei Carri di Sant’Antuono da Piazza De Gasperi con direzione Via Elena. Al termine, sosta dei Carri in Via Gobetti (primo tratto) e Via Nenni.

Pomeriggio (Percorso carri = E)

  • 15.30 Largo Croce in Via Elena – Tradizionale Riffa dei beni offerti in natura.
  • 16.30 Inizio della sfilata dei Carri di Sant’Antuono da Via Gobetti seguendo il PERCORSO E.
  • Ore 18 Inizio dell’esibizione dei Carri di Sant’Antuono in Piazza De Gasperi.
  • 23.30 Santa Messa.
  • Ore 23.30 Spettacolo di fuochi pirotecnici al termine dell’esibizione dell’ultima Battuglia dei Carri di Sant’Antuono (Battuglia di Pastellessa). Premiazione dei Carri partecipanti alla Festa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: