Figli di Portici famosi: il pittore paesaggista John Robert Cozens

di Stanislao Scognamiglio

Si sente spesso parlare di personaggi di Portici per nascita o d’elezione dei quali si sta perdendo la memoria … Ritengo perciò doveroso ravvivarne memoria fornendo un breve profilo biografico tratto dal mio inedito Diario; avvenimenti, cose, fenomeni, uomini, vicende.  Portici e Vesuvio dalle origini a oggi, con il conforto di Autori di ogni tempo.

John Robert Cozens è nato a Londra nel 1752,  da Alexander Cozens.

Dal padre, disegnatore e acquarellista di origine russa, ha appreso i primi rudimenti del disegno e della pittura.

Quindicenne, nel 1767, ha esposto alcuni suoi primi lavori alla Società degli Artisti.

La sua prima tela, realizzata con la tecnica della pittura a olio, l’ha presentata nel 1776 alla Royal Academy.

Nel corso dello stesso anno, è partito per un viaggio in Svizzera e in Italia.

Durante i suoi spostamenti,  ha preso dal vero numerose scene di paesaggi alpini e dei dintorni di Roma. Poi, ricercando «… effetti di luce e d’aria» li ha rielaborati dipingendoli ad acquarello o a olio.

Nel 1779, è tornato a Londra.

Nell’anno 1782, assieme allo scrittore Peter Beckford of Fonthil (Fonthil, Londra, 1° ottobre 1760 – Bath, 2 maggio 1844), diretto a Napoli, è partito nuovamente per l’Italia.

Nei primi giorni del mese di luglio è arrivato nella capitale del Regno di Napoli e di Sicilia.

Durante il soggiorno partenopeo, durato circa un anno, assieme al giovane miliardario, scrittore ed eccentrico collezionista d’arte, suo mecenate, si è portato a Portici.

Qui, è stato ospite dell’ambasciatore britannico sir William Douglas Hamilton (Henley-on-Thames, in Inghilterra, 13 dicembre 1730 – Londra, 6 aprile 1803) nella sua residenza porticese villa Angelica a Bellavista.

Affetto da malaria, come anche il suo accompagnatore, ha potuto trascorrere serene giornate e godere della buona aria del posto, sicuro giovamento alla sua malferma salute.

Le sue opere, di ispirazione e scuola romantica, dipinte con la tecnica della pittura all’acquerello o all’olio, sono state elaborazioni dei disegni presi dal vero durante i suoi viaggi.

A Portici, tra il 9 agosto e il 7 settembre del 1782, con la tecnica della grafite e vernici su carta sottile, leggermente ruvida, vergata, di color crema, ha delineato una fitta serie di disegni, bozzetti di molti suoi dipinti.

Questi sono conservati presso:

  • Yale Center for British Art, Paul Mellon Collection di Londra.
  • At Portici – August 9 – evening
  • At the Villa at Portici – august 30
  • Fortress in the Boschetto, Portici, August 26
  • From Sir W. Hamilton’s Villa, Portici, August 12
  • From Sr. W. Hamilton’s Villa at Portici – August 12 King’s Palace
  • From the Palace at Portici, Sept 7
  • From the Russian Minister’s Villa – Portici – Sept 3
  • King’s Palace at Portici, August 28
  • King’s Palace at Portici from the Boschetto, Sept- 2
  • La gabella del Pesce dall Granatello Preso Portici August 20
  • Part of Mt Vesuvius from the Loggia at the Villa, Portici, August
  • Portici – Sept- 1
  • The Boschetto, Portici, August 23
  • The Castle of Granatello
  • The Imperial Minister’s Villa near Granatello – Portici – August 28
  • The King plays at Palloni in the Boschetto – august 26
  • The Mole at Portici, August 31
  • The Pagliaro in the Myrtle Plantation at Sir William Hamilton’s Villa, Portici- august – 30
  • Victoria and Albert Museum di Londra:
  • Il Vesuvio visto dal boschetto di mirto nella villa di Sir William Hamilton a Portici.
  • The City and bay of Naples (Città e baia di Napoli)
  • Christie’s di Londra:
  • Capri dalla villa di sir William Hamilton.
  • Whitworth Art Gallery di Manchester:
  • Castle at the Granatello, Portici, August 23
  • Blunt di Londra:
  • At Portici – Sept- 6.
  • Sea Shore at Portici – Sept- 7

Tornato in Inghilterra, ha pubblicato «… la serie di disegni: “Delineation of the General Characters … of Forest Trees”, che sottopose alla Royal Academy. Ma il giudizio non fu favorevole perché l’Accademia definì il lavoro “arte impropria”»

All’età di 42 anni, colpito da un collasso nervoso, è stato ricoverato al Bethlem Royal Hospital.

Il pittore paesaggista John Robert Cozens, «… in un accesso di pazzia», muore a Londra, il 14 dicembre 1797.

Articolo correlato:

https://wp.me/p60RNT-3TH

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: