Figli di Portici famosi: l’ex sindaco di Napoli Giovanni Principe

di Stanislao Scognamiglio

Si sente spesso parlare di personaggi di Portici per nascita o d’elezione dei quali si sta perdendo la memoria … Ritengo perciò doveroso ravvivarne memoria fornendo un breve profilo biografico tratto dal mio inedito Diario; avvenimenti, cose, fenomeni, uomini, vicende.  Portici e Vesuvio dalle origini a oggi, con il conforto di Autori di ogni tempo.

Giovanni Principe è nato a Portici, nel 1913

Completati gli studi superiori, si è laureato in filosofia e in giurisprudenza alla Regia Università degli Studi di Napoli.

Nel secondo dopo guerra, avvicinatosi alla politica, si è iscritto alla Democrazia Cristiana, seguendo la corrente dorotea.

Dal 1963, ricoperto l’incarico di segretario provinciale della Democrazia Cristiana napoletana.

Eletto consigliere comunale a Napoli, dal 1965 al 1975, ha occupato uno scanno a Palazzo San Giacomo.

Il 20 gennaio 1966, al primo scrutinio, «… con 40 voti contro i 20 assegnati a Gino Bertoli, capogruppo del PCI», è stato eletto sindaco della città partenopea.

L’11 luglio dello stesso anno, è stato rieletto, ancora una volta, «… al primo scrutinio, a maggioranza assoluta».

Così, in rapida successione, fino al 15 novembre 1970, ha retto tre giunte municipali.

Nel corso del suo sindacato a Napoli, sono state varate importanti opere pubbliche. I provvedimenti adottati hanno riguardato «… la progettazione del nuovo Prg, il rilancio dell’edilizia abitativa, il risanamento delle scuole, la manutenzione radicale del sistema fognario, la ricostruzione della via Marittima e l’impegno ad un’area scientifica da allogare alla Mostra d’Oltremare».

Alle elezioni amministrative del giugno del 1970, seppur ancora una volta capolista, essendo passato alla corrente Impegno Democratico, ha dovuto cedere la poltrona di sindaco al «… prof. dott.  Gerardo De Michele». In tal modo ha pagato «… il passaggio dai “dorotei” di Gava agli amici del ministro Emilio Colombo».

È stato, poi, per due volte consigliere provinciale. In tale veste, è stato capogruppo del gruppo democristiano e assessore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: