Figli di Portici famosi: padre Tommaso, al secolo Ugo Bonfantino

di Stanislao Scognamiglio

Si sente spesso parlare di personaggi di Portici per nascita o d’elezione dei quali si sta perdendo la memoria … Ritengo perciò doveroso ravvivarne memoria fornendo un breve profilo biografico tratto dal mio inedito Diario; avvenimenti, cose, fenomeni, uomini, vicende.  Portici e Vesuvio dalle origini a oggi, con il conforto di Autori di ogni tempo.

Ugo Bonfantino è nato a Portici, il giovedì 22 novembre 1923, da Pasquale Bonfantino e da Elvira Caiati.

Tredicenne, seguendo la vocazione alla vita religiosa, è entrato nell’Ordine dei Frati Minori Conventuali.

Dal 1936 al 1937, ha frequentato gli studi ginnasiali presso il Sacro Convento di Assisi e,  dal 1937 al 1941, presso quello di San Giuseppe da Copertino a Copertino.

Compiuti gli studi inferiori, dal 1942 al 1945, ha frequentato il liceo al convento di Sant’Antonio di Sant’Anastasia.

Chierico, dal 1945 al 1949, ha portato a compimento la sua formazione teologica presso lo Studio teologico di Portici,

Al termine del noviziato, trascorso nel convento di San Francesco a Folloni a Montella «… con il padre F. Palatucci», il 4 ottobre 1941, ha pronunciato la professione dei voti temporanei.

Quattro anni dopo, il 4 ottobre 1945, ha tenuto la professione solenne nel convento di Sant’Antonio a Sant’Anastasia.

Con il nome in religione di Tommaso, è stato assegnato alla famiglia conventuale di Sant’Antonio di Padova a Portici.

Nella chiesa annessa al convento porticese, il 25 dicembre 1947, ha ricevuto l’ordine del suddiacono; il 5 dicembre del 1948, quello del diaconato; il 2 aprile 1949, è stato ordinato presbitero da monsignor Giuseppe  Maria Palatucci (Montella, 25 aprile 1892 – Campagna, 31 marzo 1961), vescovo di Campagna.

Sacerdote, «… religioso ilare, semplice e di preghiera», ha svolto il suo ministero servendo nelle diverse comunità della Provincia monastica di Napoli: San Francesco d’Assisi a Monte Sant’Angelo, 1949 1952; San Lorenzo Maggiore a Napoli, 1952 – 1953; San Biagio a Nola, 1953 – 1955; San Francesco a Vallo della Lucania, 1955 – 1956; Sant’Antonio a Rionero in Vulture, 1956 – 1958; Sant’Antonio a Nocera Inferiore, 1958 – 1967; San Francesco a Potenza, 1967 – 1970; Sant’Antonio di Padova, Sant’Anastasia, 1970 – 1982 e 1997 – 2001; Maddaloni, 1982 – 1997; Sant’Antonio di Padova a Portici, 2001 – 2005; Piccola Pompei a Napoli, 2005 – 2009; San Francesco a Baia Bomizia, 2009 – 2010; San Vincenzo a Castellammare di Stabia, 2010.

Dal 1982 al 1988, ha assolto l’incarico di padre guardiano del convento di Maddaloni.

Infermo negli ultimi anni, all’età di 86 anni, padre Tommaso, al secolo Ugo Bonfantino, spirando nella sua camera del cenobio stabiese, torna alla casa del Padre celeste, il 14 Agosto 2010.

Articolo correlato:

https://wp.me/p60RNT-3TH

2 Responses to Figli di Portici famosi: padre Tommaso, al secolo Ugo Bonfantino

  1. raffaele ha detto:

    ho conosciuto un Padre Tommaso nei primi anni ’60 nel Convento di Sant’Antonio a Nocera Inferiore finchè sono stato in quella struttura fino al 1965.
    Dal curriculum però mi accorgo che gli anni non corrispondono alla sua permanenza a Nocera e quindi, non saprei se stiamo parlando della stessa persona.

  2. stanislao ha detto:

    Egregio Signor Raffaele
    nel ringraziarla per l’attenzione, le preciso che il pedriodo indicato 1958 – 1967, relativo alla permanana di padre Tommaso nel convento minoritico di Sant’Antonio a Nocera Inferiore, come tutte le altre tappe riportate, è parte del testo della lettera del ministro provinciale inviata alle varie comunità dell’Ordine Conventuale per annunciare il decesso del loro i confratello.
    Pertanto …
    Cordialmente
    Stanislao Scognamiglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *