Fondazione Portici Campus, i semi del Sapere

Fondazione Portici Campus: piantare semi perché i più  giovani conseguano il Sapere e siano attori del proprio futuro

di Tonia Ferraro

PORTICI | CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLINegli spazi del Galoppatoio coperto della Reggia, sede del dipartimento di Agraria dell’Università Federico II, il prossimo 4 novembre ritorna l’ampio progetto della Fondazione Portici Campus, Portici … meta del Turismo scientifico in Campania.

Il progetto Portici Meta del Turismo Scientifico in Campania vuole valorizzare i Centri di Ricerca,  esaltando il grande attrattore culturale e scientifico della Città, e nello stesso tempo, attraverso il protocollo d’intesa siglato con le scuole del territorio, coinvolgere l’istituzione scolastica  dando la possibilità ai giovani studenti di essere attori e interagire con l’Università e i centri scientifici.

Gli eventi riprendono dopo l’assenza dovuta alla pandemia, periodo in cui la Fondazione  Portici Campus non ha potuto esplicare le attività culturali e scientifiche che l’hanno contraddistinta nel corso degli anni.

Lo scorso febbraio il direttore della Fondazione, dottor Bruno Provitera, ha riunito in videoconferenza il Comitato scientifico per l’elezione dei nuovi membri.

Presidente del Comitato è stato eletto il professor Danilo Ercolini, direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II, e vicepresidente il dottor Ezio Terzini, direttore di ENEA di Portici.

I membri del Comitato scientifico sono la dottoressa Ersiliana Anzalone, CNR-ISAFoM | Istituto Sistemi Agricoli e FORestali del Mediterraneo, la dottoressa Marina Bufacchi, CNR-ISAFoM, il dottor Francesco Castagna, MAW |  Wine experience, per il progetto Arte/Architettura/Natura, la dottoressa Stefania Grillo, CNR-IBBR | Istituto di Bioscienze e di BioRisorse, il dottor Antonio Limone, direttore IZSM | Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, il professor Paolo Masi, direttore CAISIAL | Centro di Ateneo per l’Innovazione e lo Siluppo Industria Alimentare, la dottoressa Michelina Ruocco, CNR-IPSP | Istituto Protezione Sostenibile Piante, il dottor Rosario Savino, SIPNEI | Società Italiana PsicoNeuroEndoImmunologia, il dottor Andrea Scaloni, CNR – Sistema Protezione Animale in Ambiente Mediterraneo.

Nell’ambito del tema scelto per la X edizione, parte integrante dell’ampio progetto Portici … meta del Turismo scientifico in Campania la Fondazione ha in programma il focus su Cibo, Ambiente e benessere psicofisico.

Il tema su cui si dibatterà sarà Il pianeta oltre il covid 19…solo crisi o anche opportunità?

La Fondazione Portici Campus riguardo questo item ha istituito un Premio, un concorso che mira a valorizzare la conoscenza dei concetti di rischio-risorse e resilienza in ambito ambientale, psicosociale lavorativo, in ambito scolastico e nel campo della ricerca e dell’Università, riservato alle scolaresche coinvolte nel progetto.

Infatti, la conoscenza dei rischi derivati da comportamenti scellerati, come le emissioni di CO2, inquinamento degli Oceani, i temi ambientali più discussi nella vita quotidiana, può aiutare a individuare le risorse ambientali ed energetiche ad impatto zero per preservare il Pianeta e la salute di tutti.

Il concetto di vita sana prevede anche attività fisica e alimentazione corretta, improntata ai criteri di sostenibilità e tutela dell’Ambiente, ovvero il giusto equilibrio della Natura in rapporto ai fattori acqua/fuoco/aria/acqua per migliorare il benessere psicofisico attraverso l’equilibrio del microbioma.

Se è vero che … noi siamo ciò che mangiamo, come sosteneva Ludwig Feuerbach, l’attenzione di agenzie formative come la scuola deve essere massima rispetto ad un argomento che nella realtà si collega a diversi altri temi assai rilevanti per la qualità della vita e del Pianeta.

I motivi per coinvolgere il mondo della scuola a tutti i livelli sono molti. Anzitutto, l’Italia è uno dei Paesi più all’avanguardia quanto a norme in materia alimentare e controlli sulla qualità / igiene sanitaria dei prodotti che arrivano sulle tavole. Inoltre, si sta investendo nella ricerca per attuare soluzioni alternative all’uso di sostanze chimiche. A contempo, si diffonde l’attenzione al consumo a Km0 e alle eccellenze territoriali, e diventano sempre più numerosi gli orti domestici o condominiali, così come diverse aree verdi abbandonate vengono recuperate e sottratte all’incuria e al degrado.

Tutto questo può diventare occasione di riflessione da tradurre in percorsi didattici pluridisciplinari modulati a seconda dell’età degli studenti e delle tipologie di istituti, così da infondere una consapevolezza alimentare più sana e critica, soprattutto nelle nuove generazioni, perché possano forgiare un futuro degno di essere vissuto.

In quest’ottica, la Fondazione ha indetto un concorso per le scuole elementari e medie inferiori dal titolo Portici campus … in versi, al fine di sostenere e promuovere il potenziale artistico-espressivo dei ragazzi delle scuole della Città di Portici. Il contest sarà realizzato in collaborazione coni Dirigenti scolastici del territorio, con la direzione dell’area strategica della Fondazione.

Il concorso si compone di un’unica sezione, Poesia inedita, aperta a tutti gli autori con un unico testo a tema, in lingua italiana.

In questa edizione la Fondazione intende valorizzare anche gli studenti meritevoli con Portici Campus al Merito, con l’obiettivo di valorizzare l’impegno degli alunni della comunità scolastica di Portici.

Su insindacabile giudizio dei Dirigenti scolastici, sentiti i tutor che ne hanno curato le attività, verranno assegnate delle borse di studio agli allievi che si saranno distinti nel corso dell’anno nel profitto scolastico o nel campo sociale.

Le Borse di Studio, del valore di 100 euro per ogni scuola della Città di Portici di ogni ordine e grado, partner del progetto Portici … meta del Turismo scientifico in Campania.

LoSpeakerCorner ha incontrato il presidente del Comitaro scientifico Danilo Ercolini, Professore di Microbiologia agraria. Classe 1975, Ercolini è il più giovane Direttore dell’Ateneo federiciano. Ha incentrato la sua attività scientifica sullo studio di popolazioni microbiche complesse negli alimenti e nell’uomo.  È, inoltre, responsabile Scientifico della Task Force di Ateneo per gli Studi sul Microbioma.

Il suo mandato è partito lo scorso gennaio, e da subito il professor Ercolini ha assicurato che la prestigiosa sede del Dipartimento … sarà volano di importanti iniziative culturali che avvicineranno ancor di più Scienza, Arte e Cultura agli stakeholder più interessanti, ovvero ai cittadini.

Professore, come si possono coniugare Scienza, Cultura e Arte?

I messaggi che la Scienza cerca di far passare spesso non sono accessibili a tutti, quindi l’Arte può cercare di veicolare informazioni e concetti che diversamente non sempre vengono recepiti. Naturalmente c’è un effetto indiretto sulla Cultura. Quindi, se il linguaggio scientifico non riesce a arrivare ai ragazzi, lo si può trasformare in un modo di esprimersi che, attraverso l’Arte e la Cultura, può aiutare a comprendere la Scienza.

Con la sua presidenza, ci saranno novità nelle funzioni del Comitato?

Me lo auguro. Fino a questo momento non possiamo dire di essere stati troppo attivi, gli eventi non ce l’hanno consentito, ma d’ora in poi cercheremo di essere più vicini alla comunità cittadina, avvicinandola sempre più alla Cultura e alla Scienza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: