Gaia

Uno scritto bellissimo e ambientalista, Gaia: ripubblicare la poesia di Ciccio Capozzi è  dire che ci manca tanto e che non lo dimenticheremo, mai

di Ciccio Capozzi

Al mio amico filosofo e scienziato Giuvà ‘o Preveto

Si risvegliò. Così, semplicemente; non sapeva come né perché. Né cosa facesse prima…In lei non c’era il sapere l’esistenza né di un prima né del dopo. Tutto era. E basta. Non c’era memoria. Di niente. Non avvertiva nemmeno il movimento che avveniva: lei stessa era movimento. Il suo respiro, il suo alito, era tutto parte di lei. Era dentro di lei: era lei. Niente usciva da lei. E tutto era silenzio. Era un silenzio assoluto. Di rumori che si compenetravano, si sommavano, si elidevano, come parti della sua essenza più interna e profonda. E oscura.

Che erano il Tempo. Ma non il tempo che scorre, come sembra a noi. Che percepiamo come misura ineluttabile della nostra distruzione, del nostro trasformarsi in nulla. No: era l’espansione che si contrae nelle intime fibre della sua natura; che muove il suo essere. Il suo perpetuo, indivisibile, infinitamente possente “qui”, all’interno dei suoi spazi, che erano senza fine, di quei limiti che avvertiva incombenti. Ma che entravano dentro di sé. Limiti illimitati senza limiti. Era la pura potenza di ciò che era. E basta.

Così era.

Eppure… Eppure, in quello che era il cuore pensante e pulsante della sua essenza senza tempo, la più profonda e “sua”, avvertiva qualcosa che non le apparteneva: se c’era un “dapprima”, cosa che non era, come un debole ronzio. Pungente che diventava sempre più fastidioso: e questo era il “dopo”, se lei avesse potuto scandire i tempi delle sensazioni come noi. Ma era tutto un ininterrotto presente.

Erano gli umani.

Se ne rese conto all’improvviso. In un imprecisato momento del suo stare. Che colse tutt’insieme quello che noi esseri viventi, configuriamo come il presente che a fatica e misteriosamente viviamo. Il passato che si confonde nelle volute salvifiche dell’oblio e della incerta coscienza del nostro esistere. E il futuro a noi beneficamente ignoto.

Noi esseri viventi, noi umani destinati a dissoluzione all’interno di Gaia: quella che come bambini sempre spauriti, appelliamo natura.

Noi che sentiamo il vivere come una forza in cui siamo immersi e che sembra radicata con violenza inestirpabile entro il nostro essere. Contro cui nulla può impedire nulla, e non è di ostacolo a quella che ci illudiamo possa essere la nostra eternità collettiva.

E lei sentì come un oltraggio sanguinoso l’abominevole presunzione di quella specie. La distinse da tutte le altre che pure si erano succedute su di lei, sulla sua superficie, come anche sotto di essa e sopra. Specie aveva lasciato che si creassero nella noncurante casualità più totale, pur distinguendole una ad una. E che si susseguivano negli spazi abitati dal suo alito caldo e possente, che tratteneva quella che quegli esseri sentivano come vita ed esistenza. E che quando non spirava produceva freddo tagliente e ghiaccio spaventoso senza fine; e distruzione. Ma che erano forme di lei: modi del suo proprio esserci.

Ma quella specie….quella specie aveva distrutto tutte le altre: nessun’altra viveva al suo cospetto se non a lei schiava. Come per l’umanità così anche per lei non c’era pietà o commiserazione per questa distruzione: no. Per tutte e due erano nulla. Sono tutte e tutte insieme parte di lei, perché niente esiste se non lei: lei è tutto ciò e tutte quelle creature.

Ed ecco che l’ira più violenta e gorgogliante si accese in lei: questi umani volevano essere pari a lei!

Volevano sottomettere l’intera terra, suo dominio e anche lo spazio circostante, come vide che stavano imparando a volare e uscire fuori dal suo alito di vita. Ma ciò che era intollerabile per lei, vedeva che trafiggevano, perforavano dovunque  la superficie del suo essere: mutavano terre e abbattevano monti.

Quelle che erano superfici liquide di fluidi ricchi del suo alito, li stavano trasformando in modi irreversibili, in pozze morte. E lo facevano senza avere chiesto a lei.

Senza trattenersi da nulla: come gli umani non si trattenevano dal distruggere altri umani della stessa specie.

E in quello che per lei è un battito di cuore, e per noi un tempo sciagurato di distruzione e di tenebre che si abbatterono su tutto e tutti, le fiamme e il ferro da lei lasciate risalire del fondo degli abissi avvolsero e coprirono la terra.

E niente più rimase degli stolti umani.

E Gaia, la Terra, si compiacque e gioì in un istante infinito, di far di nuovo che tutto ritornasse come lei desiderava che fosse.

Gaia. E così era.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: