Gesù non aveva amici, e nemmeno una famiglia

NAPOLI – L’Assessorato comunale alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli in collaborazione con il Museo PAN via de’ Mille venerdì 15 gennaio2016 alle 17.30 invita all’evento “Amicizia… Corruzione… Famiglia… Solitudine” per la presentazione del libro “#GesùNonAvevaAmici (e nemmeno una famiglia)”,Tullio Pironti Editore, di Geo Nocchetti. Il volume è arricchito dalla prefazione di Vittorio Sgarbi.

Al dibattito, condotto dalla giornalista Rai Maria Laura Massa, interverranno Raffaele Cantone, presidente ANAC (Autorità Nazionale Anticorruzione), il critico e saggista Vittorio Sgarbi, l’assessore alla Cultura Nino Daniele e Luigia Melillo, docente universitaria e direttore International Research Office UNESCO Chair in Bioethics Italian Unit.

Il volume di Nocchetti #GesùNonAvevaAmici si è avvalso del contributo formativo del Liceo classico-scientifico “Cartesio” di Giugliano, dell’Istituto Tecnico Statale “Luigi Sturzo” Castellammare di Stabia, e dei Licei Statali “Genovesi” e “Don Lorenzo Milani”  di  Napoli per i percorsi di Bioetica nella scuola.

Il coordinamento tecnico scientifico è stso a cura di Giuseppina Iommelli, esperta di formazione del MIUR (Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, UNESCO Advisor to Youth Bioethics Education Pilot Project, e
Francesca Piccolo, esperta comunicazione, UNESCO Advisor to Youth Bioethics Education Pilot Project.

Il libro. «Mio fratello non aveva amici e nemmeno una famiglia. Mio fratello non aveva una famiglia. Il prossimo era la sua famiglia. Mio fratello non aveva amici, ma discepoli. Non c’è amicizia tra dissimili …».

L’autore affronta temi scottanti con un piglio irriverente, a tratti dissacratorio, tutti i luoghi comuni, le “belle parole” che infarciscono i discorsi di presunti comunicatori. Nocchetti passa dai termini abusati che si riferiscono ai sentimenti fino a quelli che definisce della “solidarietà organizzata”, scandagliandoli e volgendoli alll’accezione opposta.

Vittorio Sgarbi così scrive nella sua prefazione:

«In questo serio e impetuoso libello, che investe temi fondamentali della vita, dalla religione alla famiglia, alla politica, all’amicizia, alla fedeltà, al tradimento, si sente l’intelligenza viva e paradossale di un altro testo fondamentale del libertarismo: Difendere l’indifendibile di Walter Block.
Tutti i luoghi comuni sono rovesciati; ma in particolare un “luogo” comune, per la convergenza verso di esso di persone, altrimenti accorte, intelligenti, avvedute: il matrimonio. […]
È inatteso, alla fine della lettura di questo insolito pamphlet, dissacratorio, sofistico, rigorosamente razionale e amaramente disilluso, ritrovare parole così positive, così semplici, così immediate.
E non sono parole in prestito, e neppure finzioni di mecenatismo, beneficenza, solidarietà, ma l’ultima soglia di resistenza contro la maggioranza conformista».

L’autore. Geo Nocchetti , classe 1959, è nato a Campobasso. Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista e avvocato. Ha lavorare come inviato speciale del «Diario di Napoli», collabora quindi con «Il Mattino» e infine approda in Rai, nel 1983 a Potenza e a partire dal 1988 nel capoluogo campano, dove è inviato speciale e vice caporedattore. Ha collaborato a «Samarcanda», «Piacere Raiuno», «Uno Mattina», «Italie» e «Serata Tg1». Dal 1988 al 1996 è corrispondente del settimanale «Famiglia Cristiana», dal 1996 al 2002 è inviato per «La cronaca in diretta», trasmissione per la quale realizza oltre 900 dirette. Dal 2000 al 2002 effettua servizi e collegamenti per la trasmissione «Porta a Porta». Dal 2008 è editorialista del «Corriere del Mezzogiorno», l’edizione campana del «Corriere della Sera».
#GesùNonAvevaAmici (e nemmeno una famiglia)” è il suo quarto libro: ha scrito due biografie: Peppino Di Capri. Il sognatore (Rai-Eri, 2004) e Napoli solo andata … Il mio lungo viaggio (Sperling & Kupfer, 2005) su Mario Merola.
Con Tullio Pironti ha pubblicato nel 2010 il romanzo Saldi di fine emozione, accolto con grande favore da pubblico e critica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *