Gli imperdibili week end di Assodipendeti-TerramiaNapoli

NAPOLI – L’Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli propone due nuovi appuntamenti per il week end: sabato 5 marzo una visita al Museo Plart e domenica 6 marzo un percorso archeologio al Rione Terra e ai suoi sotterranei.

Sabato 5 marzo è la volta di una visita alla scoperta di uno dei musei più originali ed interessanti di Napoli: il Plart, museo della plastica e centro di ricerca e restauro dei polimeri, nato grazie all’impegno della collezionista e direttrice dell’Istituto Maria Pia Incutti. Il museo ospita una delle collezioni di plastiche storiche più importanti al mondo,che documentano la storia di questo particolare settore della storia dell’arte. La collezione è composta di oltre 1500 pezzi, raccolti in trenta anni, e si presenta come una selezione curiosa e raffinata di opere d’arte e di design, realizzate a partire dalla metà dell’Ottocento fino agli anni Sessanta del Novecento.

La visita al museo sarà preceduta da una passeggiata a piazza Amedeo e dintorni, in particolare alla scoperta delle sue architetture in stile liberty. La zona, già usata intorno al XVI secolo come  luogo di svago e di vacanza per i nobili della città, come testimoniano le residenze realizzate o ristrutturate da importanti architetti locali del periodo, alla fine del XIX secolo si popolerà di numerose nuove famiglie aristocratiche, che commissioneranno ad abili architetti dell’epoca numerosi palazzi e ville.

plart

Programma:

  • Ore 10: raduno dei partecipanti a piazza Amedeo davanti all’ingresso della metropolitana
  • Ore 10,30: inizio visita guidata; durata: 90 minuti circa

Contributo associativo (comprensivo del biglietto di ingresso del Plart)

Euro 10 associati e Cral affiliati – euro 12 non associati.

Per domenica 6 marzo l’Associazione Culturale Assodipendenti-TerraMiaNapoli propone invece  una suggestiva visita guidata alla riscoperta dei sotterranei del Rione Terra a Pozzuoli: un viaggio nel tempo dove i luoghi prenderanno vita grazie alle installazioni multimediali presenti durante tutto il tragitto.

Le mura  risuoneranno degli echi di voci narranti testi in latino, Il blu del mare, sarà proiettato sulle pareti delle case, e in alcune vasche ammirerete onde colorate con dentro  dei pesci  che nuotano. Dopo circa 7 anni è nuovamente possibile intraprendere questo percorso archeologico sotterraneo.

L’tinerario  è stato caratterizzato dal potenziamento dell’intero impianto di illuminazione con un reticolo di cavi e luci al led che hanno ridato nuova vita al cuore antico di Puteoli . La visita guidata proseguirà alla riscoperta di due dei monumenti più importanti e famosi della città antica strettamente legati alla sua storia: inizierà con la visita dalla Cattedrale del Rione Terra, riaperta dopo 50 anni dall’incendio che nella  notte  tra il 16 e 17 maggio del 1964 la distrusse completamente, poiché rappresenta l’indice metrico più prezioso e preciso per misurata il fenomeno di abbassamento e di sollevamento della croste terrestre, il bradisismo.

scavi-del-rione-terra

La prenotazione è obbligatoria. Si raccomanda la massima puntualità in quanto l’accesso ai sotterranei è consentito a massimo  n.25 partecipanti per volta.

Programma:

  • Ore 10: raduno dei partecipanti davanti al cancello di accesso al Rione Terra;
  • Ore 10.30: inizio visita guidata e proseguimento come da descrizione; durata: 2 ore circa.

Contributo organizzativo : associati e Cral affiliati euro10; non associati euro 12.

Opzione pranzo presso ristorante convenzionato a Bacoli: euro 18 – (solo su prenotazione)

Per maggiori informazioni e prenotazioni: Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli, via Francesco Arnaldi, 48 – 80126 Napoli; 081.6140920; 08119463799; www.assodipendenti.it – terramia.napoli.it – Facebook: assodipendenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *