I edizione del Capua Festival

Un festival nell’antica Capua, capoluogo di Terra di Lavoro, per riscoprire luoghi, passato e valori

CAPUA (CE) – Forte intesa tra la Regione Campania e l’Amministrazione comunale nella realizzazione di iniziative che esaltano la prestigiosa storia della bellissima città campana.

Il Presidente della Regione Vincenzo De Luca sta lavorando alla realizzazione di idee e progetti che possano riportare turismo e visitatori nella città dove è nata la lingua italiana come nelle più rosee prospettive dei cittadini di Capua. Sono tante ed importanti infatti le iniziative previste per Capua nel 2020.

S’inizia con un vero e proprio festival internazionale, di cui tra ottobre e novembre si svolgerà una speciale anteprima, a cui stanno lavorando il Comune di Capua e la Regione Campania attraverso la Scabec, sotto la direzione artistica di Gabriella Rinaldi.

Il Capua Festival è un progetto pensato e dedicato alla città per riscoprire luoghi, passato e valori dell’antico capoluogo della Terra di Lavoro che con una storia di oltre ventotto secoli è stata città osca, etrusca, sannita e romana. Un vero e proprio contenitore culturale dove il viaggio immaginario Del Femminil Sentire, tema di questa prima edizione. racconta attraverso lo sguardo, le voci e le sensibilità di artiste diverse, una storia che nasce dal mito delle Matres Matutae ospitate nel Museo Provinciale Campano e da esso prende voce e corpo nella narrazione contemporanea.

L’attesissima star dell’anteprima del Capua Festival è Noa, la famosa artista israeliana da tempo regina e ambasciatrice di una musica senza confini, che con i Solis Strings Quartet e il chitarrista Gil Dor, sarà in concerto domenica 20 ottobre ore 20.30 al Teatro Riccardi, con il suo live Letters to Bach from Napoli.

Un concerto speciale in cui Noa riprende 11 brani strumentali di Johann Sebastian Bach e li arricchisce con sue parole e testi in inglese ed ebraico. Lo spessore e la magia della sua voce si fondono con la maestria dei Solis String Quartet, attraverso una raffinata rilettura in omaggio al grande compositore tedesco e alla canzone partenopea.   

Lunedì 21 ottobre alle ore 10.30 la cantante sarà invece ospite di un laboratorio/intervista condotto da Gabriella Rinaldi dal titolo Voce & Canto. La voce pensata, all’Auditorium Martucci nella Chiesa francescana del Gesù Gonfalone sede oggi del Liceo Musicale Luigi Garofano in via Pier della Vigne.

Una ricerca sul processo creativo dell’emissione vocale, aperto al pubblico fino ad esaurimento posti, e dedicato in particolare agli studenti.

Con un concerto in programma l’1 novembre, insieme all’opening act dell’esordiente Eleviole, Antonella Ruggiero sarà l’ospite del secondo appuntamento dell’anteprima del Capua Festival.

Nel corso della serata verrà presentato un altro tassello importante del festival, la compilation Del Femminil Sentire, 12 brani di cui 7 inediti, scritti, pensati e realizzati per il progetto culturale del Capua Festival, con le voci di Mama Marjas, Antonella Ruggiero, Giovanna Panza, Francesca Incudine, Mujeres Creando, Eleviole, Teresa De Sio, Agnese Valle, Myriam Lattanzio, Maria Pia De Vito & Large Vocal Ensemble Burnogualà e Maria Cinzia Mirabella, con la produzione artistica di Gabriella Rinaldi.

Teatro Ricciardi Largo Porta Napoli: Concerto di Noa, Giò Dor e Solis String Quartet,

  • Platea: 15  euro
  • Palchi: 10  euro

È possibile acquistare i biglietti del concerto presso la biglietteria del Teatro Ricciardi oppure on line aggiungendo il prezzo della prevendita:

www.boxol.it/it/event/noa-in-concerto-teatro-ricciardi-capua/283731

Biglietteria del Teatro Ricciardi: tel. 0823 963874

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: