I Volti della Storia

POSITANO (SALERNO) – La rassegna letteraria Positano 2016 Mare, Sole e Cultura, presieduta da Aldo Grasso, quest’anno dedicata al tema «I volti di Dio. Religione e violenza sulle due rive del Mediterraneo», prosegue la XXIV edizione alla scoperta di I volti della storia.

Mercoledì 13 luglio al Covo dei Saraceni alle 21 il vicedirettore del TG1 Gennaro Sangiuliano, autore di Putin (Mondadori), Gianni Oliva, autore del volume Gli ultimi giorni della Monarchia (Mondadori), e il direttore di Il Sole 24 Ore Roberto Napoletano, analizzeranno i volti enigmatici e complessi degli uomini che hanno cambiato il corso della Storia.

Chi è davvero Vladimir Putin? Un coraggioso protagonista del nostro tempo, capace di condizionare la politica internazionale, oppure l’ex colonnello del KGB non troppo avvezzo alla democrazia? Insomma, un nuovo zar? Per rispondere a questi e altri interrogativi, Gennaro Sangiuliano ripercorrerà le tappe più significative della straordinaria avventura umana e politica del presidente della Federazione Russa, «l’uomo più potente del mondo», secondo la rivista Forbes.

Gianni Oliva traccerà il percorso che ha visto la vittoria della democrazia. Giugno 1946: la Monarchia muore nell’ombra, tra l’amarezza di un esilio senza appello e le proteste per una sconfitta contestata; ma la Repubblica nasce oscura e in silenzio, con le piazze vietate e senza le nuove bandiere ai balconi. Che cosa è accaduto nell’Italia del Referendum?

Da Umberto II, che ha anteposto gli interessi dell’Italia a quelli della Monarchia, offrendo la chiave di volta ad uno dei momenti più drammatici della storia del nostro Paese, a Putin, dipinto come nuovo zar, capace di condizionare la politica internazionale e ridare dignità al popolo russo.

A chiudere la rassegna venerdì 15 luglio sulla Terrazza dell’Hotel Le Agavi alle 21 sarà Giulio Tremonti autore di Mundus Furiosus. Verso la fine della lunga incertezza (Mondadori), che insieme a Domenico De Masi, autore di Una semplice rivoluzione (Rizzoli) e al direttore dell’Espresso Luigi Vicinanza, delineerà il percorso che l’Europa deve intraprendere per uscire dalla crisi che l’ha messa in ginocchio.

Il Mundus furiosus è la definizione dell’Europa dopo la scoperta delle Americhe; ma Mundus furiosus è anche l’Europa d’oggi: sempre più grande ma sempre più vuota, confinata ai margini della grande storia.  Venti anni fa era un altro mondo: non c’era internet, il potere mondiale era nelle mani del G7, i computer stavano sulle scrivanie al servizio dell’uomo, non avevano ancora rubato posti di lavoro. Spirava, nelle stanze delle segreterie europee, una nota di speranza, anzi, un eccesso di speranza, una speranza purtroppo senza prudenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: