Il Cinema è di scena

NAPOLI – Ultimo appuntamento con la rassegna di cinema per il 30ennale di Sala Assoli di vico Lungo Teatro Nuovo curata con la collaborazione di Antonella Di Nocera, che offre un focus su Teatro e i Quartieri Spagnoli: lunedì 11 gennaio alle 20.30 è in programma la proiezione di “Radici” di Carlo Luglio. All’incontro, oltre al regista, sarà presente Enzo Gragnaniello.

Un viaggio musicale con Gragnaniello nella memoria di una Napoli di “sotto”, dei suoi luoghi magici, mitologici e storici ma, anche un percorso nella città di “sopra”, attraverso i suoi monumenti e i suoi quartieri più vivi, sempre punteggiato dalle performance realistiche e oniriche del musicista che si intrecciano in siparietti con artisti partenopei e con l’apporto di immagini cinematografiche di repertorio di una Napoli del dopo guerra e degli anni ’70 del Novecento.

Ad accompagnare Enzo Gragnaniello in questo percorso di note intrecciate ad immagini saranno i Sud Express, ovvero Tony Cercola, Franco Del Prete, Maria Luisa Santella, Enzo Moscato, James Senese, Riccardo Veno, Ida Di Benedetto, Ciccio Merolla, Giovanni Persico, Piero Gallo, Francesco Iadicicco, Attilio Pastore, Erasmo Petrigna.

Radici

La produzione del film musicale di Luglio  è di Gaetano Di Vaio, Pietro Pizzimento, Fabio Gargano.

“Radici” è una sorta di musicarello della durata di un’ora su presente e passato con un taglio leggero che infonde emozioni musicali e visive con il proposito di regalare allo spettatore scorci sulla bellezza e sulle vitalità nostrane ormai offuscate da continue rappresentazioni mediatiche sul degrado umano e territoriale.

Carlo Luglio ha spiegato: «Il progetto nasce dall’esigenza di valorizzare un’ “altra” Napoli mitologica e magica ma altrettanto viva nei millenni attraverso la guida musicale di un interprete sanguigno come Gragnaniello che ha saputo interpretare le svariate anime delle nostre radici: quella lunare, quella solare e quella popolare. E così, che attraverso degli incontri con artisti e luoghi sentiamo riaffiorare il meglio della nostra tradizione musicale e iconografica, clamorosamente trascurate in recenti opere che hanno documentato musicalmente la nostra città».

Per maggiori informazioni: promozione.salaassoli@gmail.comhttps://salaassoli.wordpress.com/

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *