Il FAI per le scuole

Dopo la pausa dovuta alla quarantena, il FAI si rivolge alle scuole per recuperare il tempo perduto e aprire nuovi orizzonti

Il 2020 è iniziato con un periodo di particolare difficoltà dovuto all’emergenza sanitaria, che ha avuto un forte impatto sulla società e in particolare all’interno del mondo della scuola. Bambini e adulti hanno vissuto un lungo periodo di privazione personale e collettiva, in cui non hanno potuto fruire di spazi comuni, piazze, parchi e giardini. Le normali attività, caratterizzate da lezioni, interrogazioni, momenti di scambio, di gioco e ricreazione vissuti in presenza tra compagni e docenti, si sono trasformate in didattica a distanza.

Anche il prossimo anno scolastico si prefigura come un periodo complesso: docenti e studenti dovranno collaborare il più possibile per «… costruire insieme» un nuovo metodo di studio.

In questo contesto è ancora più importante il ruolo del FAI, che mette in gioco le sue

conoscenze e competenze per offrire al mondo della scuola strumenti per affiancare gli insegnanti nella progettazione di attività didattiche legate all’educazione al patrimonio culturale, all’ambiente e al paesaggio, alla cittadinanza attiva.

Il tema che il FAI propone per il prossimo anno scolastico è quello delle Identità ritrovate. Alla riscoperta del patrimonio d’arte, natura e delle tradizioni italiane.

Attraverso questo progetto, docenti e studenti saranno invitati a rintracciare nei loro territori paesaggi, luoghi, monumenti, elementi del patrimonio immateriale che considerano importanti per il loro valore identitario e quindi di essere preservati e valorizzati per le future generazioni. Come in un mosaico, il patrimonio culturale e naturalistico è definito da tanti elementi diversi, che contribuiscono a formare un’identità ricca, ma unitaria: l’identità italiana.

Su questa premessa le proposte che il FAI offre alle scuole sono:

  • Concorso nazionale Ti racconto un posto…, in 3 sezioni che rilascia un attestato per la classe e una certificazione di 10 ore di formazione per i docenti.
  1. Scuola dell’infanzia e le classi I e II della scuola primaria
  2. Classi III, IV, V della scuola primaria e la scuola secondaria di I grado
  3. Classi della scuola secondaria di II grado
  • Formazione per i docenti
  • piattaforma e-learning, che offre una formazione di 15 ore;
  • webinar di 3 ore ciascuno.

  • Progetto Apprendisti Ciceroni ” è un progetto di formazione rivolto agli studenti di ogni ordine e grado, un’esperienza di cittadinanza attiva che vuole far nascere nei giovani la consapevolezza del valore che i beni artistici e paesaggistici rappresentano. Gli studenti vengono coinvolti in un percorso didattico di studio dentro e fuori l’aula, un vero e proprio compito di realtà che permette loro di acquisire conoscenze e competenze specifiche.

 

Grazie alla loro partecipazione attiva e responsabile, gli Apprendisti Ciceroni si sentiranno così coinvolti nella vita sociale, culturale ed economica della comunità e diverranno esempio per altri giovani in uno scambio educativo tra pari.

 

La formazione degli studenti, inserita nel Piano dell’Offerta Formativa (PTOF), è pensata come una esperienza continua durante tutto l’anno scolastico, sperimentata sul campo in tre grandi eventi nazionali con le Mattinate FAI per le scuole, con la Giornata FAI di Primavera e le Giornate FAI d’Autunno. Inoltre, eventi territoriali che coinvolgono  i Beni che il FAI gestisce, ovvero istituzioni museali o in occasione di dirette streaming.

 

La formazione degli studenti maggiori di 14 anni inizia on line accedendo a www.apprendisticiceroni.it che offre video di presentazione della Fondazione e dei principi sui quali si basa la sua missione, video- tutorial per la corretta gestione dell’attività, indicazioni per sviluppare le competenze in campo comunicativo necessarie. Al superamento del test finale viene inviata una certificazione per accedere al percorso di formazione in presenza e all’attività sul campo.

 

Con l’anno scolastico 2020/21 il progetto si arricchisce di una sezione digitale: Apprendisti Ciceroni in diretta per raccontare quel mosaico di identità del quale è costituito il patrimonio culturale italiano.

.

Gli Apprendisti Ciceroni, con l’aiuto dei loro insegnanti e dei volontari FAI, saranno invitati a individuare quei luoghi del loro territorio che ritengono identitari, a studiarli, conoscerli con sopralluoghi e a prepararsi per gestire l’attività: saranno così in grado di farli conoscere e apprezzare ad altri studenti in tutta Italia attraverso delle brevi dirette in live streaming di 10/15’ ciascuna, trasmesse sui social.

 

Il FAI organizzerà e promuoverà un calendario di incontri con cadenza bimestrale, le Mattinate FAI d’Inverno, in programma il  23 – 28 novembre 2020

 

Mattinate FAI d’Inverno è il grande evento nazionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano dedicato al mondo della scuola, nel cui ambito gli studenti  –Apprendisti Ciceroni –  sono chiamati a mettersi in gioco in prima persona per scoprire il loro territorio da protagonisti.

In orario scolastico, le Delegazioni FAI territoriali aprono alcuni beni culturali o paesaggistici, non regolarmente aperti al pubblico, e organizzano delle visite, dedicate in particolare alle classi “Amiche FAI” delle scuole di ogni ordine e grado.

Mattinate FAI d’Inverno è un progetto di educazione civica volto a sviluppare competenze di cittadinanza attiva, poiché grazie ad esso gli studenti vengono coinvolti nella vita sociale, culturale ed economica della comunità diventando esempio per altri giovani in uno scambio educativo tra pari.

 

Oltre alle tradizionali visite guidate, attuate su prenotazione e a piccoli gruppi, così da garantire il distanziamento sociale e gestire l’attività nel rispetto delle norme sulla sicurezza sanitaria, gli Apprendisti Ciceroni attiveranno dai luoghi nei quali si svolge l’evento, delle dirette streaming sui social per raccontare brevemente la storia del bene e permettere a tutte le scuole del territorio nazionale di gustare delle bellezze del luogo.

Verrà così definito, sia un calendario di apertura dei beni per le visite in presenza, che un palinsesto di dirette in streaming per una più ampia fruizione del patrimonio culturale italiano che tanto è mancato a tutti in questo periodo.

Queste in una rapida sintesi le proposte che il FAI ha programmato per il prossimo anno scolastico che, come già detto, si presenta al momento ancora molto problematico e sicuramente tutto da definire, ma la Fondazione è sempre al fianco dei docenti e degli studenti proprio in quanto considera tra le sue finalità principali quella di contribuire all’educazione dei giovani alla conoscenza, al rispetto e all’amore per il patrimonio d’arte e natura italiano.

Al fine di poter illustrare meglio l’articolazione del progetto e dell’intero programma, e riprendere il rapporto bruscamente interrotto con i docenti che da anni ci seguono con passione e professionalità, proponiamo un webinar il giorno 2 luglio alle ore 18.

Il giorno prima della conferenza i docenti referenti interessati riceveranno le credenziali per partecipare.

Per maggiori informazioni: Nietta Moscati nietta.moscati@hotmail.it | 3339096452; Gabriella Solimene archcaruso@libero.it  | 3398740351; Maria Rosaria Palma m.r.palma@libero.it | 3477776638;  Dida Di Giorgio dida49@libero.it | 368 620161

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: