Il fare digitale

 

PORTICI (NAPOLI) – Al FabricHostel di via Bellucci Sessa 22 mercoledì 22 aprile alle 17.30 il Portici Science Cafè, il primo caffè scientifico della provincia prosegue il suo ciclo di incontri.

Si parlerà dei Fab Lab, i nuovi luoghi del fare digitale dove creatività e manualità offrono nuove opportunità ai giovani. Luoghi dove si contaminano e condividono idee, progetti ed esperienze e  dove si utilizzano le nuove tecnologie di fabbricazione digitale con le stampanti 3D.

Che competenza stanno generando? Come si fa a partecipare? Quali ricadute potrebbero avere nello sviluppo locale: questi alcuni degli interrogativi a cui si cercherà di rispondere, sollecitati anche dalle domande sollevate dal pubblico.

All’incontro, moderato da Antonio Savarese, interverranno Fabrizio Sessa – FabLab Napoli e Vincenzo Moretti – Fondazione Di Vittorio, modererà l’incontro.

Filippo Sessa, ingegnere gestionale, tra i soci fondatori del FabLab Napoli. Consulente per svariate aziende, Università e Centri di Ricerca sui temi della prototipazione rapida e dell’innovazione dei processi produttivi.

Vincenzo Moretti, sociologo, dirige la sezione Società, Culture e Innovazione della Fondazione Giuseppe Di Vittorio. È ideatore di  #lavorobenfatto, WEST4 e La Notte del Lavoro Narrato. Scrive attualmente per Che Futuro, Resto al Sud, Nòva100 (Il Sole 24 Ore), Rassegna Sindacale e Rassegna.it.

Antonio Savarese,Giornalista freelance, scrive di nuove tecnologie, IT Governance, open source, Web 2.0 e digital divide. È responsabile, per la rivista Data Manager, della rubrica “CIO Evolution” ed è segretario del Comitato Tecnico Scientifico di Technologybiz.

Il Portici Science Cafè, promosso ed animato dall’ingegner Vincenzo Bonadies con la collaborazione dell’associazione BLab, la cooperativa sociale Seme di Pace ONLUS, il Comitato Beni Comuni e Caracò editore, non è un bar ma un ciclo di incontri. Fedele al format dei caffe scientifici europei, si discute attorno ad un tema scientifico predefinito, in cui un esperto presenta l’argomento e poi risponde e dibatte con il pubblico, il tutto animato da un moderatore.

Gli incontri propongono, a chiunque abbia curiosità ed interesse, occasioni per incontrare, riflettere e dialogare con professionisti e ricercatori su questioni che riguardano la tecnologia, la ricerca scientifica ed il loro impatto nella vita quotidiana

L’ingresso è libero e gratuito, e nell’atmosfera suggestiva e conviviale del FabricHostel&Club di Portici, pregevole esempio di recupero di archeologia industriale, seduti attorno ad un tavolino si potranno porre domande agli esperti del settore mentre si beve o si degusta un aperitivo.

panoram1
Si tratta di presentazioni in forma molto divulgativa atte a far facilitare la divulgazione scientifica e far conoscere l’attività dei centri di ricerca, con particolar riferimento a quelli presenti nell’area di Portici (Dipartimento di Agraria, ENEA, CNR, IZSM), a cura degli stessi esperti (ricercatori, professori universitari…), che di volta in volta si susseguono in una atmosfera colloquiale, informale eaccogliente.

Gli incontri, che si caratterizzano per il linguaggio chiaro e al contempo rigoroso, sono adatti ad ogni tipo di pubblico. Al termine della breve relazione, a cura degli ospiti relatori, segue il dibattito partendo dalle domande dei presenti.

Il Portici Science Cafè si avvale della consulenza dell’ENEA di Portici, del Dipartimento di Agraria della “Federico II”, del CNR, dell’Istituto Zooprofilattico del Mezzogiorno, della Società Chimica Italiana e gode del patrocinio della Città di Portici. Fa parte della rete dei Caffè-Scienza italiani (http://www.caffescientifici.it/),

Per maggiori informazioni: porticisciencecafe@gmail.com o visitare la pagina FB: Portici Science Cafè

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *