Il libro: Guardare dietro la Montagna

NAPOLI – A Palazzo Corigliano  in piazza San Domenico Maggiore, sede dell’Università degli Studi L’Orientale, venerdì 22 gennaio alle 10.30  si terrà l’incontro con la scrittrice e poetessa Bejan Matur, in occasione della presentazione del suo racconto-reportage “Guardare dietro la Montagna”, un libro sui combattenti del PKK, il Partito dei Lavoratori Curdo, con i quali l’autrice ha trascorso alcuni mesi nelle montagne di Turchia e Iraq.

L’evento è a cura di Lea Nocera, docente di Lingua e letteratura turca.

L’autrice Bejan Matur è nata nel 1968 nel Kurdistan turco. Poetessa e opinionista, ha vinto i premi letterari più prestigiosi in Turchia: “Orhan Murat Arıburnu” e “Halil Kocagӧz”.

Le sue poesie – nove raccolte dal 1997 al 2015 – sono state tradotte in ventiquattro lingue, dall’inglese al persiano, dal cinese allo spagnolo, e pubblicate in numerose antologie e riviste tra le quali “Grand Street Magazine” (New York) e “Language For a New Century” (Norton).

“Guardare dietro la Montagna” risale al 2011. Il libro ebbe un enorme successo – anche polemico – in Turchia per la presentazione naturalizzata fatta dei combattenti, tanto da raggiungere quattordici ristampe in quattro anni.

Bejan Matur ha scritto anche per il teatro, e ha partecipato con un suo scritto al libro Freedom, pubblicato nel 2010 con la collaborazione di Amnesty International. È stata ospito al Festival di poesia di Genova nel 2015 e fa parte del circuito internazionale di poesia “Versepolis” di cui è l’unica rappresentante per la Turchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *