Il libro, Ieri ha chiamato Claire Moren

NAPOLI – La libreria iocisto venerdì 11 novembre alle 19, nell’ambito dell’Officina delle parole di Enza Alfano, ospiterà la presentazione del libro di Giuseppe Aloe Ieri mi ha chiamato Claire Moren, Giulio Perrone Editore, finalista al Premio Strega 2012.

Ne parlerà con l’autore la scrittrice Enza Alfano.

Ieri ha chiamato Claire Moren è l’incontro tra chi vuole dimenticare tutto e chi è condannato a ricordare.

Dopo diciotto anni di prigione Enea viene scarcerato e decide di andare a vivere dove un tempo era stato felice. Lì incontra un anziano signore, tale Gagliardi, un cacciatore di nazisti che è sulle tracce di Marigold, la Primula Nera del nazismo internazionale.

Gagliardi, convinto dell’innocenza di Enea, lo incoraggia a riannodare i fili della memoria, a svuotare la nausea del cuore e a ritornare nell’illusione della vita. Così, fra azione e riflessione parte la ricerca.

La vita di Anni, la giovane donna di cui Enea era innamorato e del cui omicidio è stato accusato, viene scandagliata e ripercorsa, alla ricerca di una faglia che lasci emergere indizi prima trascurati per arrivare al vero colpevole.

Attraverso una singolare indagine si segue il tortuoso percorso di una memoria dolorosa e di un amore tormentato e a tratti crudele.

Giuseppe Aloe
Giuseppe Aloe

Con la sua prosa cadenzata e densa Giuseppe Aloe costruisce un romanzo dalle atmosfere tese e fragilissime, in cui si disegna così una parabola dalle trame insolite, popolate da personaggi strambi e oscure relazioni, un diario indecifrabile, nuovi sospetti, misteriosi depistaggi, fino ad un inaspettato epilogo.

Aloe, classe 1962, è nato a Cosenza. Ha pubblicato Non pensare all’uomo nero… dormi (2005), Non è successo niente (2009), Lo splendore dei discorsi (2010), La logica del desiderio (2011, finalista al Premio Strega) e Gli anni di nessuno (2012), tutti editi dalla Giulio Perrone Editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: