Il Libro, Io vivo nell’ombra

PORTICI (NA – A Villa Fernandes in via Diaz, bene confiscato alla camorra, martedì 4 luglio alle 17.30 si terrà un appuntamento di rilievo con il Comandante Alfa per presentare il secondo libro Io vivo nell’ombra, edizioni Longanesi.

All’incontro, oltre all’autore, parteciperà Leandro Limoccia, presidente del Collegamento Campano contro le camorre e referente del presidio Libera Portici.

L’evento gode del patrocinio del Comune di Portici.

Il Comandante Alfa recentemente è stato insignito della Croce d’Oro al Merito dell’Arma dei Carabinieri: in oltre 47 anni di carriera «… ha contribuito alla creazione e allo sviluppo dei GIS, partecipando ain prima persona a numerose operazioni ad alto rischio, nel corso delle quali ha fronteggiato, con professionalità e non comune coraggio, ogni genere di rischio». Alle sue spalle ha un curriculum militare impressionante: Medaglia Mauriziana al Merito per dieci lustri di carriera militare; Medaglia Afghana Loya Jirga consegnata dal presidente Hamid Karzai per l’Operazione Corona; Croce Commemorativa per l’Attività di soccorso internazionale in Iraq; Croce Commemorativa per il Mantenimento della pace in Afghanistan.

Il Comandante Alfa ha ricevuto elogi militari per le sue varie missioni, tra cui: Kabul (Afghanistan); Missione IFOR e Missione SFOR Mostar (Bosnia Erzegovina); Missione Antica Babilonia Nassiriya (Iraq); Missione NTM – I Baghdad (Iraq). Numerosi i suoi riconoscimenti istituzionali: Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana; Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia; Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana; Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana.

Nel 1977, a 26 anni, proveniente dal Battaglione Tuscania, cominciò l’addestramento per questa squadra d’azione. Allora il suo nome di battaglia era Cigno. Poi i suoi uomini lo chiamarono Comandante Alfa. E questo è lo pseudonimo sotto cui ancora si cela l’identità di uno dei fondatori del G.I.S. (Gruppo di Intervento Speciale) dell’Arma dei Carabinieri.

Il G.I.S. è il reparto d’élite dell’Arma dei Carabinieri, noto anche come “teste di cuoio”. Opera nella più assoluta segretezza, a partire dalla prima, riuscita missione del 1980: la repressione della rivolta scoppiata nel supercarcere di Trani.

Dopo il suo primo libro Cuore di rondine, un uomo chiave dei corpi scelti dell’Arma dei Carabinieri continua a raccontare la sua difficile missione, rivelando  l’uomo dietro il mefisto (il cappuccio nero che nasconde le fattezze, ndr), i suoi sentimenti, i suoi ideali. E il suo rammarico peri compagni che non ci sono più e il dolore per coloro che soffrono nelle zone di guerra, soprattutto i bambini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: