Il mare e la polena

NAPOLI – Al Teatro NEST in via Bernardino Martirano, quartiere San Giovanni a Teduccio, lunedì 12 e  martedì 13 dicembre andrà in scena lo spettacolo Acquasanta. Trilogia degli Occhiali.

Testo e regia di Emma Dante. Con Carmine Maringola, Luci di Cristina Fresia.
Produzione Sud Costa Occidentale, teatro Mercadante, CRT di Milano, Théâtre du Rond-point, Parigi.

'0 Sicchiato, ph by Giusppe Di Stefano
‘0 Spicchiato, ph by Giusppe Di Stefano

Aggio visto a barriera corallina… e ‘u sole dirimpetto alla luna ca si lanciavano i raggi, li annodavano e li facevano scennere dintra ‘o mare… aggio visto ‘o mare ca pigliava colore… e un pesce spada ca teneva due spade… e ‘na medusa gigantesca ca s’arravugliava nei raggi d’o sole e d’a luna…. e ‘o pesce palla ca dintra d’isso teneva futuro e passato… aggio visto il polipo arlecchino coi tentacoli ‘i tutti ‘i colori e  i pisci tropicali ca ci ballavano sopra e sotto… e il Cristo di Rio, aggio visto, ca si tuffava dal Corcovado, a petto ‘i palomma…. aggio visto l’atro lato d’o munnu…. ‘o Giappone… a ro steveno ‘i pisci cu l’occhi a mandorla…. e un galeone di tre secoli fa…. chino ‘i gente che ballava… e che cantava i canzoni ‘i n’a vota… e n’iceberg…. enorme… ca si scioglieva in lacrime di cristallo….dintra all’abisso d’o mare…

Un uomo, ‘o Spicchiato,  si ancora sul palcoscenico, a prua di una nave immaginaria. Sta.  Esperto nel manovrare gli ingranaggi che muovono la simulazione della nave, si salva dalla finta burrasca che mette in scena per rievocare i ricordi della sua vita di mozzo. È imbarcato dall’età di 15 anni e da allora non scende dalla nave. Non crede alla terraferma, per lui è ‘n’illusione.

Sopra la sua testa pende il tempo del ricordo: una trentina di contaminati ticchettìano inesorabili. Poi suonano e tutto tace.

Il mare smette di respirare e ‘o Spicchiato rivive l’abbandono. Un giorno la nave salpa senza di lui, lasciandolo solo e povero sul molo di un paese straniero: la terraferma. Proprio lui che senza la nave si sente perso, lui che ha votato la sua vita alla navigazione, lui che giorno e notte ha bisogno di parlare con il suo unico grande amore: il mare.

Le voci della ciurma, del capitano, gli rimbombano nella testa ‘e ‘o Spicchiato diventa un cantastorie, un puparo che tira i fili dei suoi pupi. E nell’attesa del ritorno della nave, il mozzo diventa di legno come la polena sulla prua di un vecchio galeone …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: