Il ministro Giannini in visita al CIRA

CAPUA (CASERTA) – Il CIRA (Centro Italiano Ricerche Aerospaziali) lunedì 11 gennaio è stato meta della visita da parte del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Senatrice Stefania Giannini

Una visita attesa che testimonia l’attenzione del Governo per il settore aeronautico e spaziale, considerato strategico per lo sviluppo e la crescita economica del Paese ed il mantenimento della competitività a livello internazionale.

Ad accogliere Il Ministro e la sua delegazione sono stati i vertici CIRA, il Presidente Luigi Carrino e il Direttore Generale Mario Cosmo, il Presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston.

«La visita del Ministro è l’occasione per evidenziare quanto il CIRA sta facendo nell’ambito della ricerca, sviluppo e trasferimento di tecnologie innovative in campo aeronautico e spaziale, operando in stretta sintonia sia con il mondo accademico che con quello industriale e in accordo con l’ASI, socio di riferimento del Centro. Il Governo ha investito e investe notevoli risorse nel CIRA che ha saputo, però,ripagare questa fiducia ottenendo negli anni risultati di assoluto livello e prestigio riconosciuti e apprezzati a livello nazionale e internazionale», ha dichiarato nel suo intervento di apertura il residente Carrino, che ha poi fatto cenno al consolidamento dell’ultimo periodo del ruolo del CIRA in qualità di attrattore di giovani talenti e di investimenti, nonché di presidio di legalità sul territorio.

«Grazie alla sue capacità di ricerca e sviluppo e a infrastrutture uniche al mondo, il CIRA è un asset strategico del sistema aerospaziale nazionale. A questo bisogna aggiungere una capacità di innovazione che lo ha reso un modello di incubatore di conoscenza e tecnologia, come dimostra l’insediamento a Capua di nuclei di R&S di imprese ad alta tecnologia. È la conferma della centralità delle partnership pubblico-private nella strategia italiana per la Space Economy», ha sottolineato il presidente dell’ASI Battiston.

Nell’occasione, il ministro Giannini ha incontrato i ricercatori del Centro che le hanno illustrato i progetti di ricerca e di sviluppo tecnologico in cui il CIRA è maggiormente impegnatoe che riguardano le tematiche più avanzate della ricerca aeronautica e spaziale: dai sistemi innovativi di rilevamento e anticollisione per un trasporto aereo più sicuro ai nuovi materiali più leggeri e resistenti per aerei ecocompatibili e un accesso allo spazio più efficiente, dalla propulsione spazialealla tutela dell’ambiente e alla sorveglianza del territorio.

All’incontro erano presenti anche diverse personalità del mondo politico e istituzionale, tra cui la senatrice Angelica Saggese, l’europarlamentare Pina Picierno, gli assessori regionali all’Istruzione Lucia Fortinie all’Internazionalizzazione, Startup e Innovazione Valeria Fascione, il sindaco della città di Capua Carmine Antropoli.

A conclusione dell’incontro il Presidente Carrino ha accompagnato il Ministro e i suoi più stretti collaboratori a visitare le principali infrastrutture di ricerca che rappresentano il fiore all’occhiello del Centro: il Plasma Wind Tunnel, l’Icing Wind Tunnel, i Laboratori di Qualifica Spaziale e di Strutture e Materiali innovativi

La presenza del ministro è stata, infine, l’occasione per inaugurare la nuova area di divulgazione scientifica che il CIRA ha voluto realizzare per assolvere ancor meglio ad un altro dei suoi compiti istituzionali, quello di avvicinare i moltissimi ragazzi che ogni anno visitano il Centro al mondo della scienza e della ricerca aeronautica e spaziale.

CIRA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *