Il Pozzo e il Pendolo in scena con La Medea di Portamedina e Vipera

NAPOLI – La Città, con le sue sonorità, i colori, gli accenti, le sue vette di poesia e i suoi abissi di dolore, sarà protagonista di due romanzi straordinari sul palcoscenico  di Il Pozzo e il Pendolo Teatro, nel Centro Antico partenopeo.

Il fil rouge che unisce La Medea di Portamedina di Francesco Mastriani e Vipera di Maurizio de Giovanni, due romanzi straordinari per due allestimenti originali, che prenderanno vita, rispettivamente, sabato 2 febbraio (repliche fino a domenica 17) e sabato 23 marzo  (repliche fino a domenica 14 aprile), per la prima volta messi in scena da Il Pozzo e il Pendolo Teatro.

Due storie, datate 1793 La Medea di Portamedina e 1932 Vipera, dove attraverso le loro storie gli autori sono accomunati dalla loro straordinaria capacità di raccontare Napoli.

La Città non si limita a essere sfondo di due storie seducenti, ma diviene essa stessa protagonista della scena. Napoli, dove la vita e la morte, l’amore e l’odio, legati indissolubilmente, disegnano i chiaroscuri e le eterne contraddizioni della città di Partenope.

 La Medea di Portamedina, che debutterà sabato 2 febbraio in occasione del bicentenario dalla nascita di Francesco Mastriani, vedrà interpreti in scena Rosaria De Cicco, Marianita Carfora, Giuseppe Gavazzi, Peppe Romano, Alfredo Mundo, Paolo Rivera, Rita Ingegno, Martina Grimaldi, Flora Del Prete, Riccardo Maio, per la drammaturgia e la regia di Annamaria Russo.

Sinossi. Siamo al 19 maggio 1793. Coletta Esposito, una giovane popolana di via Portamedina, uccide la figlia di pochi mesi e getta il corpicino esanime sul sagrato della chiesa, dove si stanno celebrando le nozze dell’uomo che aveva promesso di sposare lei e non quella donna vestita di bianco che stringe sottobraccio. La donna, poco più che ventenne, assurge agli onori della cronaca per il suo terribile delitto, che richiama alla tragedia greca. La popolana dal nome oscuro è ribattezzata la Medea di Portamedina, e in quel soprannome la banalità del male acquista un accento epico.

Non esistono risposte per la disperazione che nasce dal sangue e si nutre di sangue, ma esistono solo domande dolorose, strazianti, che restano sospese sulla soglia dell’orrore e della compassione.

La messinscena di Annamaria Russo non tenta di dare risposte. Non esistono risposte per la disperazione che nasce dal sangue e si nutre di sangue, ma esistono solo domande dolorose, strazianti, che restano sospese sulla soglia dell’orrore e della compassione.

Vipera di Maurizio De Giovanni, con Rosaria De Cicco, Marianita Carfora, Paolo Cresta, Sonia De Rosa, Paolo Rivera, Salvatore Catanese, Alfredo Mundo, Antonello Cossia, Emilio Marchese, Zac Alderman, sarà in scena da sabato 23 marzo, nell’adattamento e la regia di Annamaria Russo.

Sinossi. Nella Napoli degli anni ’30 il commissario Luigi Alfredo Ricciardi ripercorre la vita troppo breve di Vipera mentree riscopre il dolce e l’amaro della vita. Le sue indagini introspettive lo porteranno a risolvere il caso. «Che cosa hai visto, Cennamo Maria Rosaria del Vomero, detta Vipera? A che cosa hai pensato, mentre stavi morendo? Mentre il tuo corpo meraviglioso, la fantasia di centinaia di uomini, lasciava andare il tuo estremo respiro?»

 

Per maggiori informazioni: Il Pozzo e Il Pendolo. Dove vivono le storie in Piazza San Domenico Maggiore, 3 – Napoli | info@ilpozzoeilpendolo.it |  081 542 20 88 |  347 360 79 13 |  347 428 79 10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: