Il Racconto, Sul campo di battaglia

di Giovanni Renella

Gli schieramenti si fronteggiavano sui lati opposti, mantenendo sempre un immutabile ed identicoassetto di partenza: era come se i due eserciti si guardassero allo specchio.

Solo il contrasto cromatico delle divise, anch’esse uguali, non poteva essere più netto: bianche per gli uni, nere per gli altri.

Di lì a poco le formazioni si sarebbero inesorabilmente scompaginate, per dar vita ad una contesa che avrebbe visto una fazione prevalere sull’altra, fino a perdere il conto dei caduti sul campo.

Non subito, però: con calma.

Ora era il momento in cui le parti restavano lì, ferme, a studiarsi; e, se fosse stato per loro, neanche si sarebbero scontrate.

Ma non potevano opporsi alla volontà superiore che le trasportava da un lato all’altro del quadrante di battaglia, decretandone il destino.

I movimenti seguivano il filo di una strategia complessa, dove ogni mossa era studiata, mai affidata al caso o all’improvvisazione.

Capitava, talvolta, che tra un attacco e l’altro passassero interminabili minuti, in una guerra di posizione e di logoramento psicologico che mirava a fiaccare il rivale, sperando in un passo falso che lo avrebbe indotto a scoprire il fianco.

Solo allora, in quel preciso istante, lo stratega avrebbe piazzato la mossa vincente.

E con i suoi alfieri, torri o cavalli avrebbe dato  “scacco matto” all’avversarioseduto dall’altro lato della scacchiera, fermo lì a guardare il suo re, che non aveva più mosse da fare.

Altri racconti di Giovanni Renella:

http://wp.me/p60RNT-1yH

http://wp.me/p60RNT-1BD

http://wp.me/p60RNT-1Aa

http://wp.me/p60RNT-1E3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: