Il Racconto, The day after

di Giovanni Renella

La città stentava a riprendersi da un’apnea durata troppo a lungo.

Sembrava dovesse ancora smaltire i postumi di una solenne ubriacatura, come testimoniavano le patetiche foto ammiccanti ancora affisse sui cartelloni lungo le strade.

Gran parte degli aspiranti, a quel fugace quanto effimero traguardo, era stata scollegata dalla realtà e non aveva fatto altro che contare e ricontare le persone incontrate negli ultimi tempi.

Le cifre, potenza dell’autosuggestione, avevano subito una oscillazione fra le decine e le centinaia, come se nulla fosse.

Solo in pochi erano riusciti a non perdere la calma e a restare lucidi, anche nell’analisi dei conteggi.

Quasi tutti, però,  avevano provato l’ebrezza di un orgasmo che soltanto quell’esperienza riusciva a dare.

Alla ricerca spasmodica del consenso, gli inesperti si erano lasciati prendere la mano ed  avevano promesso mari e monti.

I più avveduti si erano limitati a ricalcare l’ipse dixit del leader, riproponendolo in ogni salsa.

I veterani, infine, erano riusciti a stabilire una tale empatia simbiotica con i propri interlocutori da anticiparne addirittura le parole, se non il pensiero: una tecnica che non poteva improvvisarsi, ma che necessitava di svariati lustri di apprendimento ed esercizio e che, in genere, era appannaggio di pochi eletti.

Tanti, troppi, avevano propinato ricette salvifiche di cui non conoscevano neanche gli ingredienti, se non per sentito dire; ma avevano allestito il proprio quartier generale in locali su fronte strada e ciò li faceva sentire autorizzati a diffondere il verbo, ignorandone però la sintassi.

Ora che il rito si era compiuto, centinaia di uomini e donne si ritiravano a casa, fra manifesti strappati e migliaia di volantini sparsi per le strade, con in bocca il sapore amaro di quella che vivevano come una sconfitta personale.

E poco importava se la propria coalizione avesse vinto o perso o se il loro candidato sindaco fosse stato eletto per poter attuare quel programma così strenuamente sostenuto fino a poche ore prima: adesso, restava solo la delusione per la mancata elezione nell’agognato consiglio comunale.

Altri racconti di Giovanni Renella:

http://wp.me/p60RNT-1yH

http://wp.me/p60RNT-1BD

http://wp.me/p60RNT-1Aa

http://wp.me/p60RNT-1E3

http://wp.me/p60RNT-1FF

(Foto di copertina by Ryan Bricker – Flickr, per gentile concessione)

Un pensiero riguardo “Il Racconto, The day after

  • 13 Giugno 2017 in 15:57
    Permalink

    Vero Giovanni. La tua e’ una bella descrizione dele atmosfete pre e post elettorali. Che dire? Sic transeat gloria mundi.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: