Il Racconto: Un padre, un figlio

Il nostro autore racconta la storia di un padre che amava suo figlio, incondizionatamente e profondamente

di Giovanni Renella

Anche se aveva raggiunto la maggiore età, ed era un uomo ormai fatto, continuava a guardarlo con la stessa tenerezza di quando lo aveva visto la prima volta appena nato.

Mettendosi alle spalle le chiacchiere pettegole dei maldicenti e i dubbi che l’avevano tormentato fino a togliergli il sonno, l’aveva accudito negli anni della crescita occupandosi della sua educazione.

Gli aveva anche insegnato il suo stesso mestiere, del quale, come tutti gli artigiani, era molto geloso; e il ragazzo da subito si era rivelato particolarmente abile e desideroso di apprendere l’attività paterna.

Era orgoglioso di quel giovane uomo benvoluto da tutti e che gli dava tante soddisfazioni.

Era educato e premuroso, sia con lui che con la mamma alla quale era legato da un feeling particolare, di cui, sotto sotto, era sempre stato un po’ geloso.

Gli amici lo cercavano in continuazione e si notava lontano un miglio che il ragazzo avesse la stoffa del leader e fosse destinato a realizzare grandi cose; le teenagers, poi, lo guardavano estasiate, quasi adoranti.

Era sicuro che il fascino che esercitava sul gentil sesso lo dovesse a lui, che aveva sempre avuto la fama di essere un dongiovanni.

Non era però un seduttore seriale.

Pur sapendo di piacere molto alle donne, non aveva mai approfittato delle ragazze in età da marito ma si era limitato a corteggiare, ricambiato, sempre e solo le giovani vedove che non si erano risposate.

E in quel ragazzo, che così naturalmente riusciva a esercitare un fascino seducente sullo spirito degli uomini e  a suscitare l’interesse delle donne, ritrovava parte di se stesso.

Del resto si trattava di suo figlio e anche se dapprincipio aveva faticato ad accettare la gravidanza, non voluta e non cercata, della giovane di cui si era innamorato al primo sguardo, non era mai venuto meno ai suoi doveri di padre e al difficile ruolo di genitore che gli era stato affidato.

Aveva accettato quella paternità per amore della donna che gli si era promessa ma non data e, pur se incinta di un altro, alla fine aveva deciso di fare da padre a quel bambino.

E non perché confortato da spiegazioni autorevoli che erano calate dall’alto a scagionare da ogni colpa l’amata Maria, ma perché quel bambino l’aveva conquistato appena nato sgranando i suoi occhioni azzurri e protendendo le braccia verso di lui.

In quel momento Giuseppe, compiendo la scelta più difficile della sua vita, aveva capito che l’avrebbe amato come un figlio, suo figlio, senza chiedersi più nulla.

 

Giovanni Renella, nato a Napoli nel ‘63, vive a Portici. Agli inizi degli anni ’90 ha lavorato come giornalista per i servizi radiofonici esteri della RAI. Ha pubblicato una prima raccolta di short stories, intitolata  “Don Terzino e altri racconti” (Graus ed. 2017), con cui ha vinto il premio internazionale di letteratura “Enrico Bonino” (2017), ha ricevuto una menzione speciale al premio “Scriviamo insieme” (2017) ed è stato fra i finalisti del premio “Giovane Holden” (2017). Nel 2017 con il racconto “Bellezza d’antan” ha vinto il premio “A… Bi… Ci… Zeta” e nel 2018 è stato fra i finalisti della prima edizione del Premio Letterario Cavea con il racconto “Sovrapposizioni”. Altri suoi racconti sono stati inseriti nelle antologie “Sette son le note” (Alcheringa ed. 2018) e “Ti racconto una favola” (Kimerik ed. 2018). Nel 2019 ha pubblicato la raccolta di racconti “Punti di vista”, Giovane Holden Edizioni, che l Premio Letterario Internazionale Città di Latina ha meritato il Premio Speciale della Giuria.

Articolo correlato:

https://wp.me/p60RNT-3Zh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: