Il sogno di Bayard nella Galleria Borbonica

NAPOLI – Alla Galleria Borbonica  in via Domenico Morelli venerdì 22 marzo alle 18  si terrà l’inauguraione della Mostra Il sogno di Bayard e l’ingegneria borbonica, dedicata a Le Chemin de fer de Napoli – Portici à Nocera et Castellammare, ovvero la prima linea ferroviaria in Italia.

I documenti e i disegni originali di Bayard, messi a disposizione dalla École Nationale des ponts et chaussées di Parigi, rappresentano il filo conduttore della mostra.

Disegni di estrema precisione tecnica racconteranno, con immagini e didascalie, le caratteristiche di un tracciato che si articola tra stazioni, ponti, binari e carrozze in una sorta di viaggio virtuale nel tempo e nella storia.

La prima locomotiva percorse la tratta Napoli – Portici il 3 ottobre del 1839 e prese il nome all’ingegnere  francese Armand Bayard de La Vingtrie.

L’evento Il sogno di Bayard e l’ingegneria borbonica nella mattinata è stato presentato alla stampa da Gianluca Minin, Presidente Galleria Borbonica, e Oreste Orvitti, Direttore Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa.

All’inaugurazione, presenti ospiti istituzionale, si  potranno degustare prodotti di eccellenza della Campania proposti da Mango Gourmet e dal Caseificio dei Sapori, due aziende leader del settore agroalimentare campano.

La degustazione sarà arricchita da una torta con l’immagine della storica Bayard creata per l’occasione dal Maestro pasticciere Matteo Cutolo.

«La Galleria Borbonica è una piccola porzione del grande labirinto sotterraneo che si snoda nel ventre del sottosuolo partenopeo: 500 metri che si sviluppano estendendosi tra via Domenico Morelli e via Gennaro Serra. Il 19 febbraio del 1853 Ferdinando II di Borbone firmava un decreto con il quale incaricava l’architetto Errico Alvino di progettare un viadotto sotterraneo che, passando sotto Monte Echia, congiungesse il Palazzo Reale con piazza Vittoria, prossima al mare e alle caserme. La funzione del tunnel era quasi esclusivamente di carattere militare, un percorso rapido, in difesa della Reggia, per le truppe acquartierate nella caserma di via Pace, nonché una sicura via di fuga per gli stessi monarchi dopo i pericoli corsi dal re e dalla sua famiglia durante i moti del 1848.»

La serata inaugurale sarà scandita delle note di sottofondo di una violinista di respiro internazionale.

La mostra Il sogno di Bayard e l’ingegneria borbonica sarà visitabile il venerdì, sabato, domenica e festivi dalle  ore 10 alle 12 | dalle ore 15 alle 17.

Il costo del biglietto è di 10 euro e comprende il percorso+mostra. Presentando il biglietto del Museo di Pietrsa il costo sarà di 8 euro. Con il bilglietto della Galleria Borbonca, invece, si potrà visitare gratuitamente il Museo di Pietrarsa.

Per maggiori informazioni:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: