Il vernissage, Dettagli e Orme

NAPOLI – Allo Spazio Foyer del PAN in via de’ Mille giovedì alle 17 verrà inaugurata la mostra Dettagli e Orme dell’artista Chicca Regalino

Interpretare il lavoro di un pittore richiede di collocarsi davanti alla sua opera, valutarne il risultato, ascoltare l’emozione che essa trasmette e reciderne i fili che la legano all’individualità privata: quei legami possono essere fuorvianti.

Nel caso di Chicca Regalino, che dal 9 al 21 febbraio espone dodici opere, questa separazione risulta difficile. Le matrici pittoriche dei lavori presentati sono infatti immedesimate con la sua esperienza umana e l’ambiente intorno e la fruizione è consentita solo a chi tenga presente la sua vita esistenziale e creativa.

Per indagare la realtà che ci circonda, spesso modificata dalle nostre stesse percezioni ed esperienze, la Regalino con Dettagli e Orme, titolo della mostra presentata da Angelo Trimarco, basandosi sull’analisi della storia sempre attenta alle problematiche sociali e culturali e fortemente proiettata alla rivisitazione ed attualizzazione del mito, intende far riflettere sulle nostre radici, memorie, tracce, sentimenti ed emozioni, con tutte le implicazioni filosofiche che i temi trattati comportano.

I lavori realizzati con sfumature e graffi cromatici e lo sfondo nero che occupa la maggior parte delle superfici dei supporti, riescono a rappresentare la fragilità della condizione di transizione, immanente alla nostra natura umana, spaziando dal figurativismo, acting ed atmosfere espressionistiche, attraverso continui rimandi al surrealismo post-moderno e all’iperrealismo.

«Ho sempre lavorato con la figura umana e la sua rappresentazione – ha spiegato Chicca Regalino – ma questa volta ho rielaborato le esperienze passate alla luce di una nuova sensibilità. Questo modo di dipingere ha per me una grande immediatezza emotiva».

Usando e indagando molteplici e differenti linguaggi visivi, come illustrazione, animazione, comunicazione, grafica, l’artista, che vive e lavora a Salerno, non poteva trascurare il disegno e la pittura. Il percorso espositivo si propone come una vera e propria riflessione per presentare la varietà della commedia umana attraverso le debolezze, le speranze, le sofferenze di tutti noi, soprattutto sulla condizione della donna in questo secolo.

Inizia dall’analisi della realtà, in particolare dalla figura umana da cui i ritratti di piccole dimensioni come verosimiglianza fisica e psicologica. La raffigurazione subisce un decentramento e una mutilazione. Le mani, in particolare le dita, i piedi e l’alluce diventano il fil rouge attorno al quale l’artista “annoda” il suo discorso. I dettagli di parti del corpo diventano nelle opere, dei totem, perdendo la loro qualità realistica, riuscendo a segnare inevitabilmente la distanza tra rappresentazione e figurativo.

Così Angelo Trimarco: «L’orma, in quanto traccia, impronta e sintomo, come sa l’artista, è trasalimento e allarme del reale e, insieme, della costellazione della pittura».

Attraverso le proprie istanze stilistiche e concettuali Chicca Regalino con i suoi lavori ritrova il sangue, la violazione, la ferita stessa per poi allontanarsi e prendere le distanze recuperando un’identità storica. La sua pittura in definitiva si sviluppa in una liturgia dipinta come una via di meditazione che esige un’affermazione di vita.

I movimenti dell’anima prodotti dall’amore, dall’odio, dalla lotta politica sono cose che riguardano l’artista moderno per il quale spirito e psiche sono tutt’uno nell’opera, come lo sono nella storia, nella morale e nella religione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *