La calda estate partenopea

di Antonio Vitale

Nell’ambito del vasto programma degli eventi di Estate a Napoli 2016 presentato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo dell’Amministrazione comunale e organizzato dal Teatro Totò una serata dedicata alla canzone Italiana.

estateNapoli

Francesca Marini, cantante dalla voce meravigliosa, con una estensione vocale eccezionale, ha accompagnato il pubblico in un viaggio nel tempo facendo rivivere il vasto repertorio musicale degli anni ‘60 , ‘70 e ‘80.

Lo spettacolo , imperniato anche su videoproiezioni e commenti recitati è stato aperto con il vecchio Carosello, pubblicità degli anni ’60 che ha accompagnato il pubblico nella magica atmosfera di quegli anni.

Una splendida serata sulle note di una trentina di brani scelti tra i più famosi e rappresentativi degli anni d’oro della canzone Italiana come Vorrei che fosse amore, Che m’importa del mondo, Se perdo te, Sono bugiarda, La bambola, Se telefonando, La vita, Io e te da soli, Il paradiso, Il ballo del mattone, ma non solo canzone italiana, anche alcuni successi della disco music come Never can say good bye, Dancing queen, Mamma mia ed ancora una interpretazione ricavata dal musical americano I am what I‘m.

estateNapoli2

Le coreografie di Ettore Squillace, con quattro ballerine della sua accademia Workdance hanno dato movimento alla serata con grande bravura artistica e tecnica, facendo da sottofondo danzante a vari brani musicali.

estateNapoli3

Lo stesso Ettore Squillace ha duettato con Francesca Marini impersonando il protagonista maschile nella esecuzione di alcuni brani.

Lo spettacolo, già andato in scena al teatro Totò, è stato scritto e diretto da Gaetano Liguori.

estateNapoli1

Notevole la suggestiva cornice offerta dal cortile del Maschio Angioino con il rosone della Cappella Palatina illuminato in arancione come a voler fare bella mostra di sé.

I numerosi eventi patrocinati dal Comune di Napoli si svolgeranno fino a settembre inoltrato, in alcune location napoletane: oltre al Maschio Angioino, il chiostro del Convento di San Domenico Maggiore, il PAN Palazzo delle Arti Napoli, ed altri luoghi ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: