La Cavalcata di Sant’Anna della storica Irpinia

L’associazione culturale Assodipendenti-TerramiaNapoli propone per domenica 31 luglio un’accattivante escursione a San Mango sul Calore, nella verde Irpinia.

Le origini della cittadina che fu uno dei centri medievali più belli dell’Irpinia risalgono all’ XI secolo. Raso praticamente al suolo dal terremoto del 23 novembre del 1980, conserva ancora intatte le sue tradizioni.

L’evento storico della Cavalcata di Sant’Anna si tiene tradizionalmente l’ultima domenica di luglio. Si tratta di una festa di antiche origini, religiosa, folcloristica. Inizia alle prime luci dell’alba quando i cavalli vengono portati davanti la sede del Comune, dove li aspettano cavalieri in costume provenienti da paesi limitrofi in segno di amicizia al popolo di San Mango.

cavalcataSantAnna

Il sindaco e tutta la giunta comunale si vestono con abiti del ‘500 e poi si avviano alla Chiesa di San Vincenzo e vi girano tre volte intorno. Terminato questo rito, tutti gli abitanti aprono le porte delle loro case per ricevere i confetti che vengono lanciati dai cavalieri.

cavalcata

Poi accompagnano i cavalli per il viale principale fino ad arrivare alla fine del paese dove passano sotto il ponte romano di Annibale.

San_Mango_sul_Calore_(AV),_2010,_ruderi_del_ponte_romano_sul_fiume_Calore.

La popolazione si avvia poi verso la chiesa di Sant’Anna, dove aspetta i cavalieri che entrano uno ad uno dalla porta centrale. Fanno quindi tre giri intorno all’altare e lanciano confetti alla statua della Santa e a tutte le donne incinte o che desiderano diventarlo.

San_Mango_sul_Calore_(AV),_2010,_la_-Cavalcata_di_Sant_Anna-._(10)
Alle ore 13 è quindi prevista la partenza per Castelvetere, che dista da San Mango circa 5 km. Qui sarò possibile fare un tuffo nel passato e, soprattutto, nel silenzio. Ci si ritroverà nell’albergo diffuso, tra ampi spazi e diffuso, ove ci sarà la possibilità di gustare i piatti della tradizione culinaria dell’alta Irpinia.

Coloro che vorranno pranzare al ristorante e degustare la squisita tradizione enogastronomica irpina, potrà farlo al ristorante (quota 20 euro a testa.
Chi vorrà invece godere del silenzio e del fresco è possibile mangiare nel bosco di Montemarano: all’interno del paese la vendita di pane, salumi, vino e acqua, certamente non manca.

Nel pomeriggio, verso le 15.30, comunque si visiterà Montemarano, paese famoso per la Tarantella, la Maccaronara, e il vino Aglianico. Ad accogliere sarà il sindaco Beniamino Palmieri che accompagnerà i partecipanti all’escursione alla scoperta del suo paese.

Si visiterà il Museo della Tarantella e delle tradizioni popolari, il Museo del Vino e il Museo dei Paramenti Sacri, una collezione che va dal 1300 al 1700.

Verso le 17.30 è in programma la visita all’azienda La Maccaronara, dove il proprietario Giovanni Gambale con la sua famiglia e il presidente della scuola di Tarantella Roberto D’Agnese accoglieranno gli ospiti.
Qui sarà possibile fare uno stage per imparare a fare appunto la maccaronara. Per chi vuole digerire e appassionarsi alla tarantella, sempre sull’aia dell’azienda sarà possibile partecipare ad uno stage di tarantella con i maestri della scuola. Alle ore 19,00 partenza da Montemarano per Napoli arrivo previsto per le 20,30.

Il raduno dei partecipanti è davanti Hotel Ramada in via Galileo Ferraris, 40 – Napoli alle 8.30.  L’arrivo a San Mango sul Calore è previsto per le 9.50.

Il contributo associativo è di 20 euro. Per chi volesse pranzare al ristorante la quota è di 20 euro.

Scarica l’app gratuita assodipendenti sul tuo cellulare direttamente da playstore (solo per android)

Per maggiori informazioni e prenotazioni: Associazione culturale Assodipendenti – TerramiaNapoli, via Francesco Arnaldi, 48 – 80126 Napoli; 081.6140920; 08119463799; www.assodipendenti.it – terramia.napoli.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *