La Fiera di San Luca e la Sagra dell’anguilla

di Antonietta Montagano

VOLTURARA APPULA (FO) –   Si rinnova l’appuntamento con  l’antichissima Fiera di San Luca e con la Sagra dell’anguilla, in programma martedì 18 ottobre.

volturara

A 45 chilometri dal capoluogo, Volturara Appula, un caratteristico e piccolo borgo di montagna, si schiude a forma di cuore su un colle. Un tempo sede vescovile, conserva eleganti architetture romaniche, come la duecentesca Cattedrale. Alzando lo sguardo, nel cielo si ritaglia il profilo dell’imponente campanile a torre, mentre poco lontano, sorge il cinquecentesco Palazzo Ducale.

Volturara gode di una posizione strategica: vicina alla Campania e al Molise, vanta un eccezionale tesoro naturalistico. L’aria sana, la calma del borgo, le fonti di acqua sorgiva e sulfurea, il verde lussureggiante del Bosco di Volturara, la bontà dei suoi prodotti tradizionali vengono esaltati in questo appuntamento imperdibile, la tradizionale Fiera di San Luca.

La Fiera è una tradizione si rinnova ogni anno. Le sue radici  affondano in un glorioso e antico passato: la leggenda narra che a istituirla fu Federico II nel XIII secolo proprio nella data del 18 ottobre, giorno della  festa di San Luca, protettore degli animali.

La Fiera era e continua ad essere un appuntamento importante per Volturara  da tutelare e tramandare di generazione in generazione. In passato era un vera e propria fiera del bestiame, oltre ad un  mercato  dove era possibile acquistare abiti, prodotti locali , qualsiasi genere di merce e attrezzi per l’agricoltura, e naturalmente animali domestici:  molti anni fa vi si potevano trovare anche cavalli, asini, pecore, capre, galline e soprattutto maiali.

Era consuetudine durante i giorni della fiera, che durava ben due settimane, acquistare il maiale che veniva poi accudito e fatto ingrassare fino a gennaio, quando arrivava il tempo della mattanza con la seguente trasformazione in salsicce, prosciutti e insaccati preparati in casa, fatti essiccare con il tepore del  focolare  e con l’aria asciutta delle rigide giornate invernali.

loc_intera

Anche in altri centri del Sub Appennino Dauno c’erano fiere simili, ma quella di San Luca tuttavia era la più importante, tanto che ancora oggi resiste con il suo fascino di storia e tradizione che la rende unica nel suo genere tra le fiere della provincia di Foggia, anche se attualmente si svolge in una sola giornata.

Il 18 ottobre di ogni anno, alle prime luci dell’alba la magia si ripete: dalla vicina Lesina  partono decine di pescatori per raggiungere il piccolo centro montano e vendere le pregiate anguille che proprio in questo periodo sono particolarmente squisite.  Una tradizione che si perde nella notte dei tempi e che richiama gente dai  tutti i paesi vicini, desiderosa di acquistare l’anguilla che arriva dalla laguna di  Lesina, paese con il quale Volturara è gemellato.

L’appuntamento è quindi per  martedì 18 ottobre 2016.  In  mattinata si svolgerà la tradizionale Fiera mentre in serata a partire dalle 20.30  ci sarà  l’attesa degustazione dell’anguilla, cucinata in svariati modi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: