La magia di Pietrarsa nella storia della ferrovia

PORTICI (NA) – Odore di olio minerale e di mare, sferragliamento che faceva vibrare il pavimento, locomotive stagliate in una luce azzurrina che sembrava vapore, e naturalmente il fischio del treno …

di-ferro-e-di-cuore2

Così il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa venerdì 4 novembre ha accolto gli spttatori facendo loro rivivere la storia del viaggio nel ‘900 attraverso documenti inediti tratti dal libro di Enrico Menduni Andare per treni e stazioni, edito da Il Mulino.

All’evento erano presenti l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nino Daniele, i vertici della Fondazione FS Italiane, Michele Menduni, Ettore Massarese e la giornalista Anna Bisogno.

di-ferro-e-di-cuore1

L’immaginario collettivo di chi ha partecipato a questa magica serata – specialmente dei porticesi, perché Pietrarsa è la loro storia – è stato rapito dalle immagini che scorrevano incastonate tra due locomotive storiche, dalle voci che hanno interpretato brani e poesie della suggestiva drammaturgia Di ferro e di cuore, di Enrico Menduni ed Ettore Massarese con la collaborazione ai testi di Anna Bisogno.

di-ferro-e-di-cuore4

Un viaggio dell’anima, un déjà vu pregno di un sentimento di rimpianto per qualcosa che si credeva di avere perso e che invece si è ritrovato in fondo al cuore. Una serata indimenticabile vissuta nella storia, nella nostra storia … Ed ecco l’emigrante, il viaggiatore stanco e la memoria che aleggiava con passi leggiadri conducendo ai diversi quadri che componevano la rappresentazione, dove gli attori Anna Maria Ackermann, Giovanna Capone Massarese, Hedy Caggiano, Giacomo Casaula, Ottavio Costa, Tullio Del Matto, Gigi Savoia interpretavano i testi.

I reading sono stati accompagnati dalle musiche di Igor Stravinski, Arthur Honegger, Pierre Boulez, Giuseppe Verdi, Gaetano Donizetti.

La consulenza coreografica è stata affidata ad Arianna D’Angiò, la performance coreutica ad Ilaria Porzio con la danzatrice Viviana Agnese Perrella. Costumi a cura di Tea Pagliari. da sottolineare la partecipazione della Scuola Laboratorio Permanente delle Arti Teatrali.

ferdinando-ii

La serata si è conclusa con un ospite d’eccezione: Ferdinando II di Borbone, che volle fortemente gettare il seme del progresso con la prima tratta ferroviaria Napoli-Portici e fece nascere Pietrarsa e la sua grande storia. Davanti la statua di ghisa – appena restaurata, realizzata dalle maestranze proprio nell’Opificio – è stato letto il decreto firmato dal grande e lungimirante sovrano.

La pièce Di ferro e di cuore, firmata in regia da Ettore Massarese, è stata tratta dal libro di Enrico Menduni, scrittore e documentarista, docente di Cinema e Televisione all’Università Roma Tre, già Consigliere di Amministrazione della Rai.
L’evento è stato promosso dalla Fondazione FS Italiane.

L’iniziativa è stata realizzata dalla Fondazione FS Italiane con il patrocinio del Consiglio Regionale della Campania, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, l’Università di Napoli Federico II e dell’Università degli Studi Roma Tre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: