La parola, il suono, l’immagine

NAPOLI – Tornano gli incontri della seconda edizione di Il suono della parola, rassegna di Letteratura e Musica promossa dalla Fondazione Pietà de’ Turchini, a cura di MiNa vagante, con il patrocinio del Comune di Napoli.

Il suono della parola presenta incontri e momenti di approfondimento delle diverse forme di linguaggi e musica attraverso le preziose testimonianze di protagonisti del mondo culturale di oggi.

Si pensa che musica e parola seguano due strade, seppur vicine, ben distinte, logiche lontanissime, destinate a incrociarsi soltanto in rare occasioni. Eppure musica e letteratura soggiacciono alle stesse regole del suono, battono gli stessi toni. Si parla di musicalità delle parole, si discute delle cadenze delle lettere, si misura il tono in ogni discorso. Ogni vocabolo è un ritmo: la lingua compie i suoi passaggi tra denti e palato e produce nient’altro che musica. Al contrario si può trovare più letterarietà in una melodia che in un testo scritto. Diciamo poesia e facciamo musica ogni giorno, da tempi antichi, più di quanto ci rendiamo conto, alla ricerca costante dell’armonia delle parole, dell’armonia del suono.

La prima edizione della rassegna ha visto protagonisti nel 2015 Alessandro Baricco, Lidia Bramani, Michele Dall’Ongaro, Maurizio De Giovanni, Erri de Luca, Mario Martone, Antonio Monda, Nicoletta Polla Mattiot, Luciano Stella, Federico Vacalebre.

La seconda edizione di Il suono della parola, che si svolgerà dall 22 al 27 ottobre e il 15 novembre, avrà com cornice le chiese di Santa Caterina da Siena e di San Rocco alla Riviera di Chiaia, dove saranno ospiti autori, musicologi e musicisti, scrittori e registi che racconteranno il proprio percorso nella musica e nella letteratura.

il-suono-della-parola_locandina-programma

  • Sabato 22 ottobre alle 18.30 nello splendido scenario della Chiesa di Santa Caterina da Siena inaugurerà la kermesse Da Shakespeare a Neruda, con Ruggero Cappuccio e Alberto Rollo con l’ascolto della musica del teatro e della poesia, in occasione della pubblicazione del nuovo libro di Cappuccio La prima luce di Neruda, Feltrinelli.
  • Domenica 23 ottobre alla Chiesa di San Rocco alle 12 Giorgio Fontana e Massimiliano Virgilio con Ballata dell’amor perduto accompagneranno una storia d’amore e d’abbandono ambientata in una Milano tra alcool e jazz, attraverso il nuovo libro di Fontana Un solo Paradiso.
  • Martedì 25 ottobre alla Chiesa di Santa Caterina da Siena allee 18.30 il direttore d’orchestra e pianista Matthieu Mantanus, per la prima volta a Napoli, sarà il protagonista di La musica in jeans, con Laura Valente, per raccontare il suo progetto rivoluzionario e la storia del libro Beethoven e la ragazza coi capelli blu, Mondadori, 2016.
  • Mercoledì 26 ottobre alla Chiesa di San Rocco alle 18.30 Gatta Cenerentola Teaser. Suite per parole, immagini e musica sarà la proposta di Ivan Cappiello, Antonio Fresa, Marino Guarnieri, Alessandro Rak, Dario Sansone, Luigi Scialdone e Luciano Stella. Guidati da Conchita Sannino gli autori, registi e produttori del nuovo film in animazione della Mad Entertainment saranno i protagonisti di un viaggio tra musica, letteratura, cinema e altri linguaggi attraverso suoni e visioni.
  • Giovedì 27 ottobre alla Chiesa di San Rocco alle19.30 letteratura e musica si fonderanno nel reading-spettacolo Letteratura in Jazz con il Trio Malinconico Band con Diego De Silva che leggerà brani dei suoi libri (Einaudi), accompagnato dalla musica di Aldo Vigorito al contrabbasso e di Stefano Giuliano al sax.
  • Martedì 15 novembre (Chiesa di Santa Caterina da Siena ore 18.30), in esclusiva a Il Suono della Parola in occasione della pubblicazione del suo nuovo libro (Giunti, 2016), l’incontro con lo scrittore Giuseppe Montesano che dialogherà con Antonio Franchini in Lettori Selvaggi. Da Catullo a Maria Callas. 

La manifestazione Il suono della parola è realizzata nell’ambito della Stagione 2016-2017 della Fondazione Pietà de’ Turchini che ormai da 20 anni promuove la diffusione di capolavori musicali, lo studio, la ricerca, la formazione, l’editoria e l’aggiornamento culturale nelle aree di incontro che la musica può avere con le altre espressioni artistiche e creative di ogni tempo e luogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: