La vita ricomincia con i racconti

In scena 50 attori, 24 autori, 12 spazi monumentali della Campania: in scena la II edizione di Racconti per ricominciare

Patrizio Oliva_ph_salvatore_pastore

Dal Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa lo scorso venerdì 28 maggio è partita la II edizione di Racconti per ricominciare, dove Patrizio Oliva  si è raccontato “in tre round”.

Sempre a Portici, a Villa Fernandes Eduardo Tartaglia ha riportato in scena i “dirimpettai post-covid” del suo folle condominiomentre Massimo Andrei inventa un percorso tra cibo e passioni in Villa Signorini.

A Torre del Greco la leopardiana Villa delle Ginestre ospiterà Inventario di cose perdute, tratto dalle opere di Judith Schalansky.

Sono solo alcuni tra gli spettacoli che debuttano, in prima assoluta, a “Racconti per Ricominciare”, festival diffuso che, fino a domenica 6 giugno, proporrà i suoi percorsi teatrali –  dal vivo e itineranti –  ambientati in spazi di grande valore storico e architettonico della Campania. Ideato e organizzato da Vesuvioteatro.org con il coordinamento artistico di Giulio Baffi e Claudio Di Palma.

Il festival, che aderisce al progetto La Campania è Teatro, Musica e Danza, promosso da ARTEC/ Sistema MED in collaborazione con SCABEC e Fondazione Campania dei Festival, riapre al teatro 12 luoghi – tra Ville Vesuviane, giardini e Real siti borbonici – di straordinaria bellezza della regione per coinvolgere in un lungo percorso di teatro 50 attori protagonisti di 33 testi teatrali, perlopiù inediti, di 24 autori, italiani e non.

Un programma di spettacoli che accoglie inoltre, proseguendo nel Miglio d’oro, le emozionanti storie di donne che Nadia Baldi sceglie per il suo Uno nessuna centomila allestito al Parco sul mare di Villa Favorita di Ercolano, mentre per i bambini l’Orto Botanico della Reggia di Portici diventa magico scenario della celeberrima Bella e Bestia che Claudio Di Palma trae dalla fiaba di Jeanne-Marie Leprince de Beaumont.

Storie di corte e di cortigiane, di Favorite e Favoriti riecheggiano poi negli spazi del Palazzo Reale di Quisisana a Castellammare di Stabia, mentre più in là, proseguendo in costiera e raggiungendo Sorrento si potrà godere di una mozzafiato Vista su Napoli che, nella terrazza della Villa Comunale adiacente il magnifico Chiostro di San Francesco, accoglie gli allestimenti teatrali di testi tratti da opere di Benedetta Palmieri, Silvio Perrella, Alessio Forgione, Viola Ardone.

La doppia vita del frate, storia per quattro voci di Antonio Piccolo è lo spettacolo che va in scena nel Chiostro di Santa Maria del Plesco a Casamarciano, e Michelangelo Fetto al Mulino Pacifico di Benevento mette in scena, in due puntate, Radiodrammi, spettacolo liberamente ispirato a La panne di Friedrich Dürrenmatt.

La proposta di teatro della seconda edizione di Racconti per ricominciare si conclude a San Gennaro Vesuviano con l’evento speciale dedicato ai 100 anni di Besana.

PROGRAMMA

Tutte le informazioni e i link per acquistare i biglietti al sito ufficiale www.vesuvioteatro.org

081 251 4145  | 338 406 5894  |  info@vesuvioteatro.org

n.b. I percorsi teatrali hanno una durata di 60 minuti circa. In caso di pioggia gli spettacoli potranno essere rinviati. Il programma potrebbe subire variazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: