Quando le patate erano viola

di Ciro Santisola

PORTICI (NA) – Nelle sale del Museo Ercolanense, al piano nobile della ex Reggia borbonica, in via dell’Università, n. 100, a Portici, a partire dalle 11.15 fino alle12.15 di domenica 4 marzo, si terrà Quando le patate erano viola. Viaggio nelle origini del cibo.

Nel corso dell’evento, una visita special, agli ospiti, accompagnati in un ideale viaggio attraverso i secoli da una coinvolgente narrazione, sarà raccontata una delle svolte più rilevanti nella storia dell’umanità e dell’alimentazione: «… la domesticazione delle piante». La scoperta della possibilità di coltivare le piante, ha segnato «… il passaggio dell’uomo da cacciatore nomade ad agricoltore e la nascita di società più strutturate».

Quest’affascinante storia della patata viola sarà raccontata dal narratore d’eccezione, il professore  Domenico Carputo, docente di genetica vegetale al Dipartimento di Agraria afferente all’Università degli Studi di Napoli – Federico II.

Saranno perciò illustrate le cause sociali e biologiche della domesticazione e le sue connessioni con la moderna agricoltura, utili anche a comprendere meglio la nostra quotidianità.

La visita, proposta dal Centro MUSA – Musei del Sito Reale di Portici, sarà «… inoltre l’occasione per immergersi nella cucina e nel cibo al tempo dei romani, illustrandone i diversi aspetti grazie anche ai supporti didattici presenti all’interno del Museo Ercolanense».

Notizie utili:

11.15 – appuntamento presso la biglietteria dei Musei, in via dell’Università 100

Registrazione dei partecipanti e inizio dell’attività.

12.15 – conclusione delle attività

Contributo organizzativo: 6 euro; ridotto: 3 euro (6 – 12 anni); gratuito under 6

Prenotazione obbligatoria 081 2532016 (lun-ven 9,30-13,30) /  prenotazioni@centromusa.it

L’evento sarà effettuato al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti

Come raggiungerci:

  • In auto o in treno Circumvesuviana, fermata Portici-via Libertà oppure FS, fermata Portici-Ercolano.

Possibilità di parcheggio interno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *