L’olio, oro di Capri

CAPRI (NAPOLI) – Gianfranco D’Amato è stato eletto “Personaggio dell’anno 2015 – Isola di Capri” , giunto ormai alla sua alla sua V edizione, da Capri Press, l’Agenzia stampa, comunicazione e romozione di eventi culturali fondata e diretta da Anna Maria Boniello che vede al suo interno un team di giovani  giornalisti, grafici, esperti in comunicazione, arte e organizzazione di manifestazioni a tutto campo.

Un riconoscimento significativo quello conferito all’industriale napoletano, caprese d’adozione, da sempre impegnato in iniziative pe il rispetto dell’Ambiente.

Gianfranco D’Amato è presidente onorario dell’Associazione L’Oro di Capri, che vede nel ruolo di presidente esecutivo Pierluigi Della Femina e vicepresidente Vincenzo Torelli. Componenti del direttivo i consiglieri Carlo Alessandro Lelj Garolla, Attilio De Gregorio, Alessandro Maresca e Aniello Catuogno.

L’Oro di Capri ed il suo sono sono stati scelti quest’anno per essersi costituiti in un’associazione che ha riunito nel suo interno un gruppo di isolani che intendono riportare sul territorio l’antica tradizione della coltivazione dell’olivo per poi trasformarlo in quel prezioso alimento che è l’olio, che nell’isola un tempo era anche una delle principali fonti di sviluppo economico.

L’esperimento, partito agli inizi del 2014, si è chiuso in maniera positiva, tanto che il gruppo degli appassionati olivisti di L’Oro di Capri ha raccolto 260 quintali di olive riuscendo a produrre 31 quintali di olio, imbottigliati in 3400 litri del prezioso e primario alimento, celebrato per le sue proprietà benefiche sin dai tempi dei Romani, quando sull’isola regnava Tiberio.

Tutto ciò è stato possibile grazie alla tenacia dei proprietari dei piccoli oliveti che si estendono da Mesola a Pino ed Orrico: tramite l’associazione sono riusciti a far tornare la passione anche per questo tipo di coltura che riporterà l’olio di Capri fra gli alimenti principi della cucina isolana. Ed è per questo motivo che Capri Press ha voluto eleggere Personaggio dell’Anno Gianfranco D’Amato che intende tutelare l’Ambiente attraverso interventi che rispettino la natura e riportino in vita le tradizioni che vanno scomparendo, come l’agricoltura.

Il premio nelle sue prime quattro edizioni ha eletto figure di spicco che hanno contribuito in vari settori a tenere alto il nome di Capri come  il parroco don Carmine Del Gaudio, Peppino di Capri, Adriana di Fiore de La Parisienne e Pascal Vicedomini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *