Messa in suffragio di Francesco II

di Francesco De Crescenzo

NAPOLI – Come è ormai consuetudine da qualche anno a questa parte martedì 27 dicembre nella chiesa di San Ferdinando di Palazzo è stata celebrata la Santa Messa solenne in Rito Romano Anticoin suffragio dell’anima santa dell’ultimo Re del Regno delle Due Sicilie Francesco II di Borbone, nel 122 anniversario della sua morte.

Francesco II si spense proprio il 27 dicembre del 1894 ad Arco di Trento. In pratica  fu il primo dei tanti emigranti meridionali.

commemorazionefrancescoii1

L’evento, promosso con l’Alto Patrocinio della Real Casa di Borbone Due Sicilie, è a cura del Movimento Neoborbonico, della Fondazione Il Giglio e della Delegazione Campania del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio.

Al termine del rito liturgico il professor Gennaro De Crescenzo, presidente del Movimento Neoborbonico, rivolgendosi ai numerosi presenti, molti dei quali visibilmente commossi, li ha ringraziati per la composta partecipazione e ha letto loro un messaggio di auguri di S.A. R. Carlo di Borbone Duca di Castro, Capo della Real Casa Due Sicilie e Gran Maestro del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, aggiungendo agli auguri del Principe i suoi personali e quelli dei numerosi delegati del Movimento accorsi da tutta Italia.

Oltre a una folta rappresentanza dei Cavalieri dell’ Ordine Costantiniano con tanto di mantello tradizionale, tra gli altri è da segnalare la presenza del giornalista e scrittore  Ermanno Corsi, che è stato presidente dell’Associazione napoletana della stampa, nonché – dal 1989 al 2007 – del Consiglio regionale dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, conservando poi la carica di consigliere.

Inoltre era presente il pittore figurativo contemporaneo Mino Ciccarelli, che tra la fine di agosto e metà settembre del 2015 ha realizzato la interessante mostra delle sue opere Napul’è. Viaggio su tela da Neapolis a Napoli nella sala delle Carceri di Castel dell’Ovo. L’esposizione raccolse numerosi consensi e una folta partecipazione di pubblico.

Al termine della cerimonia il professor De Crescenzo ha salutato la platea dando appuntamento per il prossimo anno, per quel che concerne la commemorazione del Re Francesco II, e ricordando i numerosi appuntamenti culturali di cui si fa promotore il Movimento Neoborbonico, tra cui il tradizionale raduno in quel di Gaeta che, salvo imprevisti, dovrebbe svolgersi intorno alla metà del prossimo febbraio 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: