Omaggio a Alighiero Noschese

Il ricordo di Alighiero Noschese, «… un gentiluomo che praticava la satira con eleganza, mai con un retrogusto sulfureo.»

di Stanislao Scognamiglio

SAN GIORGIO A CREMANO (NA) – Presso la settecentesca Villa Bruno, alla via Cavalli di Bronzo, martedì 3 dicembre, nell’anniversario della sua dipartita, si svolgerà In ricordo di Alighiero Noschese 40 anni dalla scomparsa.

Un evento voluto  dall’Amministrazione civica sangiorgese per ricordare il famoso e popolare imitatore della televisione italiana, che nel comune vesuviano ha trascorso alcuni anni della sua vita e vi è stato sepolto.

L’ineguagliabile attore dai mille volti sarà ricordato con mostre fotografiche e iconografiche, proiezioni e incontri con personalità del mondo della cultura e dello spettacolo, aperti a studenti e cittadini.
L’evento, promosso dal sindaco Giorgio Zinno e dall’assessore alla Cultura Pietro De Martino e organizzato con il supporto tecnico dell’Osservatorio Cinematografico Vesuviano (OCV), articolato su due fasi, l’una in mattinata, l’atra nel pomeriggio, prevederà:

  • ore 9.30, al cimiero Comunale, nel corso della cerimonia pubblica, alla presenza del  primo cittadino, dei rappresentanti delle istituzionali e di quanti vorranno rendere omaggio all’artista, padre di tutti gli imitatori, tragicamente scomparso, saranno deposti fiori sulla sua tomba, nella cappella di famiglia.
  • ore 10, nei locali già occupati dalla Libreria Vesuvio, si terrà l’apertura della mostra a cura di Luisa Auriemma: saranno esposti  oggetti appartenuti all’attore, foto, locandine e altro materiale inedito. Inoltre, grazie alle proiezioni con una particolare videoinstallazione, «… Noschese ritorna virtualmente tra coloro che lo hanno amato, mettendo in evidenza il suo lato televisivo e puntando su un elemento che caratterizzava parte dei suoi show: il telefono. Solo attraverso il telefono, infatti, è possibile immergersi nel sonoro delle sue più importanti imitazioni come Gorni Kramer, Mago Zurlì, Omar Sharif e Nino Manfredi» e tante altre ancora.
  • ore 11, nei locali, un tempo ospitanti le Fonderie Righetti, gli studenti delle scuole cittadine potranno partecipare al convegno spettacolo sulla vita, la carriera e i personaggi del grande imitatore. La professoressa Giuseppina (Pina) Scognamiglio, docente di Letteratura teatrale italiana all’Università degli Studi di Napoli Federico II e Andrea Jelardi, scrittore, autore del volume Alighiero Noschese, l’uomo dai mille volti, presenteranno al pubblico «… l’amico rassicurante e gioioso degli italiani», un interprete dello spettacolo che non è stato mai criticato, ma ha ricevuto solo consensi, «… un gentiluomo che praticava la satira con eleganza, mai con un retrogusto sulfureo.»                                                                                           Durante l’incontro, il trasformista e imitatore napoletano Vincenzo De Lucia si esibirà in alcune sue allettanti performance.
  • ore 18, nei locali, già sede delle Fonderie Righetti, si terrà l’Incontro con la Città. Giuseppina Scognamiglio e Salvatore Gramaglia dialogheranno con Andrea Jelardi.  Il dialogo sarà alternato dalla letture affidate alla recitazione di Monica Todino e alle esilaranti esibizioni dell’artista Vincenzo De Lucia. Al termine della conversazione, seguirà la consegna delle pergamene ai vincitori della XIX edizione del Premio Massimo Troisi 2019 sezione Scrittura Teatrale e Sceneggiatura Cinematografica  Alejandro De Marzo e Massimiliano Mottola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: