Opere strategiche per il Sarno

Bonifica del Sarno più vicina con altri importanti opere  strategiche: la sinergia tra Ente Idrico Campano, Regione Campania e Gori è vincente

SAN VALENTINO TORIO (SA) –  Nell’aula consiliare del Comune nella matinta di martedì 1 marzo si è svolto l’incontro tra Ente Idrico Campano, Regione Campania e Gori. Nel corso della tavola roronda sono stati illustrati gli interventi messi in campo per il disinquinamento del bacino idrografico del fiume Sarno. Un impegno di cui fanno parte due ulteriori opere strategiche, consegnate da Gori a margine dell’evento, che prenderanno il via nel corso delle prossime settimane e si prevede saranno ultimate entro il 2023.

Durante l’incontro sono intervenuti il Presidente EIC Luca Mascolo, il Sindaco di San Valentino Torio e Presidente della Provincia di Salerno Michele Strianese, il Presidente e l’Amministratore Delegato di Gori, rispettivamente Sabino De Blasi e Vittorio Cuciniello. A chiudere i lavori, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca.

Il primo intervento riguarda il completamento del sistema di collettori del comprensorio depurativo Medio Sarno Sub 2: un’opera di cui Gori è soggetto attuatore, finanziata dalla Regione Campania per un importo 4.200.000 euro, che consentirà l’allacciamento delle reti fognarie dei comuni di Ottaviano, San Valentino Torio, Sarno e Striano all’impianto di depurazione di Angri, collettando i reflui di circa 80.000 abitanti equivalenti.

Il secondo intervento, invece, riguarda la messa in esercizio del sistema di collettori del comprensorio depurativo Foce Sarno, attraverso il completamento del collettore di Gragnano, che darà definitivo recapito alle reti fognarie dei comuni di Casola di Napoli, Gragnano, Lettere e Santa Maria La Carità, consentendo l’eliminazione dei sollevamenti fognari provvisori installati sulla costa di Castellammare di Stabia e l’attivazione delle reti fognarie interne.

Anche quest’opera vede Gori come soggetto attuatore, ed è stata finanziata dalla Regione Campania per un importo complessivo di  5.667.621 euro.

Si tratta di uleriori tasselli del vasto programma di interventi che fanno parte del protocollo di intesa dal valore di oltre 80 milioni di euro, fortemente voluto da EIC e siglato insieme alla Regione Campania e Gori, grazie al quale sull’emergenza Sarno dovrebbe definitivamente calare il sipario entro la fine del 2025.

Stiamo raccogliendo i frutti di un lavoro faticoso che abbiamo portato avanti con grande determinazione in questi anni» ha dichiarato il Presidente dell’Ente Idrico Campano Luca Mascolo. «La consapevolezza di essere difronte a una sfida ciclopica ci ha caricati di nuove energie e i risultati ci dicono che la nostra strategia si sta rivelando efficace. Un sentito ringraziamento va al Presidente De Luca che, anche in questa occasione, ha dimostrato sostegno e vicinanza. La sinergia con la Regione Campania e il gestore unico del Distretto Sarnese-Vesuviano Gori funziona e dimostra che l’approccio sinergico rappresenta la scelta migliore per la risoluzione dei problemi.

Nell’ottica della condivisione e della trasparenza. nel corso dell’incontro, inoltre, è stato presentato il sito web Energie per il Sarno. Il sito illustra l’insieme delle opere strategiche avviate da Gori, Regione Campania ed EIC per il risanamento del corso d’acqua, consentendo di monitorare in tempo reale il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Progetto Sarno e di inviare segnalazioni e proposte progettuali.

Il risanamento del bacino idrografico del fiume Sarno è uno degli obiettivi prioritari di Gori, su cui siamo a lavoro grazie alla proficua sinergia con EIC e Regione Campania. Parliamo di un corposo programma di investimenti del valore complessivo di 247,4 milioni di euro, che ci consentirà di realizzare ben 40 interventi entro il 2025, contribuendo in tal modo al recupero della piena balneabilità del golfo di Napoli. Un’azione concreta su cui vogliamo il massimo coinvolgimento dei cittadini, offrendo loro anche la possibilità di monitorare i risultati che gradualmente saranno conseguiti, ha sottolineato il Presidente di Gori, Sabino De Blasi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: