Pianeta Pandemia continuerà la sua missione

Le istituzioni sanitarie attraverso piani assistenziali adeguati e la ricerca scientifica hanno prodotto sempre utili risultati

NAPOLI  –  Sono stati circa 6mila i visitatori alla mostra Pianeta Pandemia ! Storia delle epidemie e dei vaccini partita il 6 giugno negli spazi dell’ex Ospedale San Rocco a Matera e prorogata al 31 ottobre.

L’iniziativa, che ha riscosso un grande successo di pubblico, è stata realizzata dal Museo della Storia delle Arti Sanitarie di Napoli e curata dal professor Gennaro Rispoli, Carmen Caccioppoli e Biagio Lafratta, in collaborazione con il Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana, coordinato dal Generale Gabriele Lupini, e la Direzione Regionale Musei Basilicata diretta dall’architetto Annamaria Mauro.

Docenti e studenti di numerose classi di Matera hanno fruito del percorso divulgativo, finalizzato a diffondere la conoscenza della storia epidemiologica passata, utile chiave di lettura dell’emergenza pandemica attuale.

Un itinerario storico-scientifico si è snodato tra una ricca collezione di “Pastori” portatori di malattie epidemiche, trecento oggetti rari del Museo di Arti Sanitarie, fedi, ovvero patenti di sanità, che consentivano ai marinai di viaggiare a condizione che non avessero contratto peste o colera.

E ancora, libri, oggetti scientifici, filmati. 

Spiega il professore Gennaro Rispoli, direttore del Museo di Arti Sanitarie: ’La storia dei vaccini veicola il messaggio della centralità della pratica vaccinale quale mossa vincente rispetto al Covid 19. La risposta delle istituzioni sanitarie attraverso piani assistenziali adeguati e la ricerca scientifica hanno prodotto utili risultati. La mostra contribuisce ad accrescere consapevolezza e fiducia nella continua battaglia contro le epidemie che hanno trovato espressione artistica, letteraria, pittorica e cinematografica.

Intanto, si sta pensando ad un progetto itinerante della mostra: prima tappa nella città di Napoli, sede del Museo delle Arti Sanitarie.

Per maggiori informazioni: Museo Arti Sanitarie tel. 081 440647 |     info@ilfarodippocrate.it

NAPOLI  –  Sono stati circa 6mila i visitatori alla mostra Pianeta Pandemia ! Storia delle epidemie e dei vaccini partita il 6 giugno negli spazi dell’ex Ospedale San Rocco a Matera e prorogata al 31 ottobre.

L’iniziativa, che ha riscosso un grande successo di pubblico, è stata realizzata dal Museo della Storia delle Arti Sanitarie di Napoli e curata dal professor Gennaro Rispoli, Carmen Caccioppoli e Biagio Lafratta, in collaborazione con il Corpo Militare Volontario della Croce Rossa Italiana, coordinato dal Generale Gabriele Lupini, e la Direzione Regionale Musei Basilicata diretta dall’architetto Annamaria Mauro.

Docenti e studenti di numerose classi di Matera hanno fruito del percorso divulgativo, finalizzato a diffondere la conoscenza della storia epidemiologica passata, utile chiave di lettura dell’emergenza pandemica attuale.

Un itinerario storico-scientifico si è snodato tra una ricca collezione di “Pastori” portatori di malattie epidemiche, trecento oggetti rari del Museo di Arti Sanitarie, fedi, ovvero patenti di sanità, che consentivano ai marinai di viaggiare a condizione che non avessero contratto peste o colera.

E ancora, libri, oggetti scientifici, filmati.

Spiega il professore Gennaro Rispoli, direttore del Museo di Arti Sanitarie: ’La storia dei vaccini veicola il messaggio della centralità della pratica vaccinale quale mossa vincente rispetto al Covid 19. La risposta delle istituzioni sanitarie attraverso piani assistenziali adeguati e la ricerca scientifica hanno prodotto utili risultati. La mostra contribuisce ad accrescere consapevolezza e fiducia nella continua battaglia contro le epidemie che hanno trovato espressione artistica, letteraria, pittorica e cinematografica.

Intanto, si sta pensando ad un progetto itinerante della mostra: prima tappa nella città di Napoli, sede del Museo delle Arti Sanitarie.

Per maggiori informazioni: Museo Arti Sanitarie 081 440647 |     info@ilfarodippocrate.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: