Pietrarsa, di ferro ma anche di cuore

enrico-menduni-a-pietrarsa

PORTICI (NA) – Al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa venerdì 4 novembre alle 20 rivivrà la storia del viaggio nel ‘900 attraverso documenti inediti tratti dal libro di Enrico Menduni Andare per treni e stazioni, edito da Il Mulino.

L’evento è promosso dalla Fondazione FS Italiane.

Treni, stazioni e ferrovie come suggestive cornici per innumerevoli film e romanzi. Fughe, viaggi della speranza, saluti tra amanti, teatro di strazianti arrivederci con i soldati in partenza per la guerra, con i migranti di casa nostra costretti ad andare. Le valigie con l’etichetta di lontani alberghi, il venditore di cestini da viaggio sul binario, il fischio del capostazione e la locomotiva che sibila sono le istantanee di un itinerario sentimentale che ha come protagonisti il treno e le stazioni e che dà il titolo alla drammaturgia Di ferro e di cuore, di Enrico Menduni ed Ettore Massarese con la collaborazione ai testi di Anna Bisogno.

L’evento, firmato in regia da Ettore Massarese, è tratto dal libro di Enrico Menduni, scrittore e documentarista, docente di Cinema e televisione all’università Roma Tre, già Consigliere di Amministrazione della Rai.

museo-di-pietrarsa

Le letture dei testi sono affidate ad Anna Maria Ackermann, Giovanna Capone Massarese, Hedy Caggiano, Giacomo Casaula, Ottavio Costa, Tullio Del Matto, Gigi Savoia.

I reading saranno accompagnati dalle musiche di Igor Stravinski, Arthur Honegger, Pierre Boulez, Giuseppe Verdi, Gaetano Donizetti.

La consulenza coreografica è di Arianna D’Angiò, la performance coreutica di Ilaria Porzio con la danzatrice Viviana Agnese Perrella, i costumi di Tea Pagliari e la partecipazione della Scuola Laboratorio Permanente delle Arti Teatrali.

locandinaweb-copia

L’immaginario del treno, dunque, continua a vibrare. Con un grande sforzo tecnologico la ferrovia si prende la rivincita sull’automobile, accorciando l’Italia.

Nessuno, anche il viaggiatore più disincantato, sfugge al suo fascino dentro e fuori le carrozze, oggi in pelle, che corrono ad alta velocità come metafora della vita. 

L’iniziativa è realizzata dalla Fondazione FSItaliane con il patrocinio del Consiglio Regionale della Campania, dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli, l’Università di Napoli Federico II e dell’Università degli Studi Roma Tre.

Per maggiori informazioni: 081.472003 www.museopietrarsa@fondazionefs.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: