Figli di Portici famosi: Domenico Manzon

di Stanislao Scognamiglio

Si sente spesso parlare di personaggi porticesi per nascita o d’elezione dei quali si sta perdendo la memoria … Ritengo perciò doveroso ravvivarne memoria fornendo un breve profilo biografico tratto dal mio inedito Diario; avvenimenti, cose, fenomeni, uomini, vicende.  Portici e Vesuvio dalle origini a oggi, con il conforto di Autori di ogni tempo.

Domenico Manzon è nato a Portici il 22 giugno 1922.

Dopo aver studiato legge all’Università degli Studi di Napoli, si è avviato al giornalismo.

Diventato giornalista professionista ha lavorato «… prima presso “Il Tempo” di Roma poi a Londra presso la sezione italiana della BBC, quindi al “Roma” di Napoli che ha la lasciato con la qualifica di redattore capo».

Fino al 1994, ha collaborato con “Il Mattino” di Napoli, curando una rubrica settimanale di eno-gastronomia. Autentico «… giornalista galantuomo, pieno di verve»,  ha prestato la sua penna alle «… riviste specializzate di settore facendosi apprezzare per la sua semplicità e competenza».

Presidente dell’Enohobby Club Napoli – la Confraternita dei Borbone, «… primo sacerdote napoletano del dio caucasico» ha spinto l’avvio di corsi di enologia in Campania.

È stato direttore della rivista Mangiare & Bere. 

Ha scritto vari libri. Tra quelli di maggior successo, ricordiamo:

  • Vini e vignaioli d’Italia. Cuzzolin Editore. Napoli, 1970;
  • La Campania: dove andare, cosa comprare, come mangiare. Adriano Gallina Editore. Napoli, 1981;
  • Vini della Campania: ampelografia e catalogo dei vini in etichetta. Ulisse & Calipso Edizioni. Napoli, 1992;
  • La cucina della Campania: alla scoperta delle grandi ricette tipiche di una tradizione gastronomica universalmente nota per la varietà e la fantasia dei suoi piatti. Newton Compton Editori. Roma, 2000;
  • La cucina campana in cento ricette tradizionali. Newton & Compton Editori. Roma, 2000;
  • La cucina campana in 480 ricette tradizionali. Volumi 1 e 2. Newton & Compton Editori. Roma, 2003;
  • La cucina campana. Newton & Compton Editori. Roma, 2007.

Ha coronato la carriera giornalistica aggiudicandosi diversi prestigiosi premi: «“Il Caserta», l’Ischia”, il “Calabria Camigliatello”, il “Castellabate”, il “Montalcino”».

Di giovedì 2 ottobre del 2008, all’età di ottantasei anni, nella sua abitazione a Napoli, serenamente, si spegne Domenico Manzon, decano dei giornalisti eno-gastronomici della Campania.

I funerali si tengono presso la chiesa del Redentore al corso Vittorio Emanuele.

Altri profili di porticesi famosi:

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *