Figli di Portici famosi: Liberato Bronzuto

di Stanislao Scognamiglio

Si sente spesso parlare di personaggi porticesi per nascita o d’elezione dei quali si sta perdendo la memoria … Ritengo perciò doveroso ravvivarne memoria fornendo un breve profilo biografico tratto dal mio inedito Diario; avvenimenti, cose, fenomeni, uomini, vicende.  Portici e Vesuvio dalle origini a oggi, con il conforto di Autori di ogni tempo.

Liberato Bronzuto è nato a Portici il 28 febbraio 1923.

Conseguito il diploma magistrale, è stato insegnante elementare.

Alle elezioni politiche dell’aprile del 1963 è stato candidato nella circoscrizione Napoli – Caserta per la lista del Partito Comunista Italiano.

Eletto, con sistema proporzionale, alla Camera dei deputati della Repubblica Italiana, prima iscritto al gruppo parlamentare Comunista e, poi a quello del Partito Comunista Italiano, ha occupato uno scanno di Montecitorio per l’intera IV Legislatura (6 maggio 1963 – 04 giugno 1968).

Riconfermato deputato nella consultazione elettorale del 10 e 20 maggio 1968, per una parte della V Legislatura (05 giugno 1968 – 15 aprile 1970), è stato membro del Partito Comunista Italiano.

Nel dicembre del 1969, ha scritto una lettera provocatoria al Manifesto, quotidiano politico d’ispirazione comunista, fondato il 23 giugno 1968. Esprimendo la sua piena solidarietà a Caprara, Magri, Natoli, Pintor e Rossanda, ha affermato: «… Ho condiviso fin dal primo momento l’iniziativa del Manifesto continuo a condividerne le tesi politiche fondamentali. L’iniziativa del Manifesto e la tematica sollevata non era e non è un’invenzione di un gruppo di “intellettuali” impazienti e presuntuosi, ma corrisponde ad esigenze reali, vivamente sentite e presenti in vasti settori del Partito, con le quali il Partito deve misurarsi se vuole evitare il permanere di quel profondo disegno che ha portato al distacco di un non trascurabile numero di militanti».

Avendo aderito alla redazione di Il Manifesto, è stato espulso dal Partito Comunista Italiano.

Radiato, il 15 aprile 1970, è passato al gruppo parlamentare Misto, restandovi fino a fine legislatura, 24 maggio 1972.

Nel corso delle due legislature ha fatto parte dei seguenti organi parlamentari

  • Membro della VIII Commissione Istruzione e Belle Arti dal 1 luglio 1963 al 4 giugno 1968
  • Membro della VIII Commissione Istruzione e Belle Arti dal 10 luglio 1968 al 14 ottobre 1971
  • Membro della Commissione parlamentare per il parere al governo sulle norme delegate relative al riordinamento dell’amministrazione dello stato, al decentramento delle funzioni e al riassetto delle carriere e delle retribuzioni dei dipendenti statali dal 26 luglio 1968 al 21 ottobre 1970
  • Membro della V Commissione bilancio e programmazione – partecipazioni statali dal 14 ottobre 1971 al 24 maggio 1972

Nello svolgimento della sua attività legislativa, dei 42 progetti di legge presentati, di 5 è stato  primo firmatario.

L’insegnante e parlamentare Liberato Bronzuto si spegne il 18 novembre 2008.

Altri profili di porticesi famosi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *