Premio Napoli 2019

La  Fondazione Napoli incontrerà a Villa Fernandes  i finalisti della sezione Saggistica della 65esima edizione del Premio letterario

di Stanislao Scognamiglio

PORTICI (NA) – Nel suadente ampio atrio di Villa Fernandes, alla via Armando Diaz venerdì 29 novembre, con inizio alle ore 18, si terrà il Premio Napoli 2019 – Incontro con i finalisti della sezione Saggistica: Paola Isotta, Salvatore Silvano Nigro, Gian Piero Piretto.

All’incontro, interverranno:

  • Vicenzo Cuomo, sindaco della Città di Portici;
  • Ornella Pasqua, consigliere al Comune di Portici;
  • Domenico Ciruzzi, presidente della Fondazione Premio Napoli;
  • Paola Isotta, La dotta lira, Salvatore Silvano Nigro, La funesta docilità, Gian Piero Piretto, Quando c’era l’URSS, finalisti della sezione Saggistica.

Gli interventi degli ospiti, introdotti dal Domenico Ciruzzi, saranno coordinati e moderati da Ileana Bonadies, giornalista, coordinatrice del comitato di lettura Il Melograno.

La partecipazione all’ingresso è a ingresso libero e del tutto gratuita.

Il Premio Napoli, storico riconoscimento alla cultura e alla lingua italiana, giunto alla sua 65esima edizione con il suo pubblico, è indetto e organizzato dalla Fondazione Napoli.

Partendo da terne finaliste, preventivamente selezionate da una giuria tecnica, composta da scrittori, docenti universitari, giornalisti, magistrati ed altre personalità, il tradizionale compito di decretare i vincitori nelle categorie “Narrativa”, “Poesia” e “Saggistica” è affidato ai giudici lettori.

Gli oltre mille giudici lettori, registrati per una sola delle tre sezioni del Premio 2019, come singolo giudice lettore o componente di un comitato, guidato da un coordinatore, con il loro voto decretano  i vincitori.

I nomi dei candidati alla 65esima Premio sono stati annunciati nella mattinata dello scorso lunedì 1 luglio dal presidente Ciruzzi, nel corso di una conferenza tenuta nella della Fondazione, sita all’interno del Palazzo Reale di Napoli.

I riconoscimenti saranno consegnati nel corso della cerimonia pubblica, che avrà luogo il 18 dicembre al Teatro Mercadante di Napoli.

Questi, gli autori, i titoli e le case editrici, finalisti del Premio Napoli 2019:

Sezione Narrativa:

Giulio Cavalli, Carnaio, Fandango;

Maria Pace Ottieri, Il Vesuvio universale, Einaudi;

Andrea Pomella, L’uomo che trema, Einaudi.

Sezione Poesia:

Nanni Cagnone, Le cose innegabili, Avagliano;

Francesco Nappo, I passeri di fango, Quodlibet;

Tiziano Scarpa, Le nuvole e i soldi, Einaudi.

Sezione Saggistica:

Paolo Isotta, La dotta lira, Marsilio;

Salvatore Silvano Nigro, La funesta docilità, Sellerio;

Gian Piero Piretto, Quando c’era l’URSS, Raffaello Cortina.

Per maggiori informazioni: www.premionapoli.it | fondazione@premionapoli.it 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: