PUP, la Federico II ospita la CNUPP

L’Università Federico II è la prima del Meridione a iniziare l’attività del PUP: conta il 10% degli iscritti in Italia

CITTÀ METROPOLITANA DI NAPOLI –  L’Università Federico II ospiterà l’edizione 2022 della CNUPP | Conferenza Nazionale dei Poli Universitari Penitenziari Italiani nell’ambito della CRUI| Conferenza dei Rettori delle Università Italiane.

Il presidente della CNUPP, Franco Prina, e i Delegati dei Rettori di tutti gli Atenei Italiani coinvolti nel progetto si riuniranno giovedì 1 e venerdi 2 dicembre  a Palazzo Gravina, storica sede federiciana del Dipartimento di Architettura, per un consesso di studio, dibattito e discussione su risultati, obiettivi e sfide dei Poli Universitari Penitenziari.

I delegati porteranno esperienze e innovazioni significative e problemi riscontrati all’attenzione dell’assemblea.

Venerdì 2 dicembre, alle ore 16.30, a Palazzo Gravina, si terrà la tavola rotonda aperta al pubblico su Il diritto agli studi universitari nel contesto del sistema dei servizi dell’esecuzione delle pene. Presente e prospettive, cui prenderanno parte Mauro Palma, Garante Nazionale delle persone private della libertà personale, Lucia Castellano, Provveditore dell’Amministrazione Penitenziaria della Campani, Marco Puglia del Tribunale di Sorveglianza di Napoli e Franco Prina, Presidente CNUPP.

Nel corso dei lavori dell’Assemblea CNUPP 2022 interverranno, tra gli altri, i delegati Marella Santangelo e Mariano Stornaiuolo, il Vicesindaco di Napoli Laura Lieto, la Prorettrice Rita Mastrullo, e la Direttrice del Centro Penitenziario Pasquale Mandato Giulia Russo.

Sabato 3 dicembre, invece, si terrà un incontro nel Penitenziario Pasquale Mandato di Secondigliano con gli studenti del Polo Penitenziario Universitario della Federico II che presenteranno i loro lavori di progettazione di alcuni spazi detentivi del Reparto Mediterraneo della casa circondariale.

In Italia i Poli Universitari Penitenziali sono 41. Nello scorso anno accademico contavano 1246 iscritti, 1201 uomini e 45 donne, di cui 1114 in carcere e 132 in esecuzione penale esterna. Il PUP della Federico II con i suoi circa 120 studenti ha il 10% degli iscritti in Italia.

L’Assemblea della CNUPP sarà anche l’occasione per presentare alcune attività del Polo Universitario Penitenziario federiciano, guidato dal Delegato del Rettore, Marella Santangelo. Sono numerosi i corsi di laurea attivati per gli studenti detenuti, l’ultimo aggiunto è in Ingegneria MeccatronicaDei laboratori didattici, tirocini formativi, coltivazione di piante officinali, laboratori di enogastronomia si occupano i Delegati dei Dipartimenti coinvolti e guidati dal Delegato Responsabile alle attività del Polo Universitario Penitenziario, Mariano Stornaiuolo.

Attualmente, sono numerosi gli studenti che stanno per conseguire la laurea e che guardano con interesse all’offerta formativa delle Lauree Specialistiche della Federico II per completare il loro percorso di studi.

In Italia i PUP sono ormai molti anche grazie all’impegno della CNUPP. Ospitare l’Assemblea della Conferenza Nazionale dei Poli Penitenziari Universitari, oltre 60 delegati provenienti da tutta Italia, è un’occasione importante per il nostro Ateneo, primo del meridione a iniziare questa attività complessa quanto impegnativa – spiega Marella Santangelo – Siamo al quarto anno accademico, il numero dei nostri studenti reclusi continua ad aumentare, così come si amplia l’offerta formativa: sono ormai nove i Corsi di Laurea e circa 120 gli studenti, inclusi quelli che nel corso degli studi sono usciti dal carcere in regimi di detenzione alternativi e che continuiamo a seguire così come previsto dal Protocollo di intesa con il Provveditorato Regionale dell’Amministrazione della Campania, rinnovato nel 2021. Il primo laureato del PUP di Federico II è stato proprio uno studente in semilibertà che il 21 ottobre ha conseguito la laurea triennale in Sociologia. Una grande emozione, ma anche una enorme soddisfazione per tutti i docenti, circa 80 a semestre, impegnati nella didattica del PUP’.

‘Gli studenti del PUP Federico II sono completamente esonerati dal pagamento delle tasse, anche di quella regionale per il diritto allo studio, hanno, a differenza di quasi tutte le realtà nazionali, spazi dedicati sia nell’alta che nella media sicurezza, all’interno dei quali oltre alle stanze di pernottamento ci sono gli spazi per lo studio, aule, salette per incontrare docenti e tutor, piccola biblioteca; a tutti gli studenti del PUP la Federico II ha dato in comodato d’uso un computer portatile. Quest’anno l’interpello del Provveditorato per l’iscrizione al PUP del nostro Ateneo è stato nazionale e sono arrivati studenti da molte regioni italiane.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: